Cazzago, violento con la compagna finisce in cella grazie alla nuova legge

0

E anche nel comune di Cazzago San Martino gli effetti del nuovo decreto legge sul contrasto delle violenze domestiche introdotto lo scorso 14 agosto non si sono fatti attendere. Nella giornata di ieri infatti, i Carabinieri della locale Stazione, sono stati chiamati a seguito dell’ennesimo litigio tra due conviventi, di cui l’uomo gravato da precedenti penali, fino poco giorni prima sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari per un furto aggravato consumato nel dicembre del 2012.

Questa volta la donna esasperata dalle continue vessazioni che in questi anni è stata costretta a subire anche in presenza della figlia minorenne, ha trovato il coraggio di denunciare ai Carabinieri una serie di episodi che l’avevano vista tristemente protagonista di condotte minacciose, ingiuriose e diffamatorie. Nella mattinata, infatti, l’uomo, dopo aver tentato di aggredire la compagna, è stato fermato in tempo dai militari e da alcuni vicini di casa allertati dalle urla della donna. Dopo essere stato accompagnato in caserma dove veniva ammonito grazie al nuovo provvedimento d’urgenza di allontanamento dalla casa familiare e dai luoghi abitualmente frequentati dalla vittima, introdotto proprio grazie alle nuove disposizioni di legge, incurante delle conseguenze, si è allontanato dall’abitazione che gli era stata affidata in custodia per ritornare a casa della donna, dove è entranto da una finestra.

I Carabinieri, ricontattati dalla vittima, che intanto nel trovare il coraggio di fare denuncia aveva elencato in lacrime una serie di episodi che nel corso degli anni l’avevano avvilita e depredata della sua dignità e per i quali non si era mai confidata con nessuno per la vergogna, hanno potuto coglierlo nella flagranza traendolo così in arresto per il reato di maltrattamenti in famiglia aggravato dal non avere rispettato l’ordine di allontanamento.

L’aggressore adesso si trova ristretto presso la casa circondariale di Brescia, mentre la parte offesa, ancora profondamente scossa veniva indirizzata verso il più vicino centro antiviolenza.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. prendiamo atto che le nuove norme danno qualche possibilità in piú alle donne vittima di violenze. mi risulta che chiunque sia a conoscenza di casi simili possa segnalare la situazione alle forze dell’ordine. quindi….. diamoci da fare ! basta violenza !

LEAVE A REPLY