Trasformare l’ex Magazzino 47 in una biblioteca? Labolani (FdI) dice no

5

L’ex assessore Labolani (FdI)) interviene in merito alla questione della riqualificazione del Magazzino 47, affermando di essere contrario alla proposta di Margaroli (Pdl) di riconvertire l’immobile a biblioteca. "Non ci sono i mezzi economici per realizzarla o, ancor meno, mantenerla", afferma l’esponente di Fratelli d’Italia.

DI SEGUITO IL COMUNICATO INTEGRALE

 

Desidero richiamare l’attenzione sul tema della dismissione del Magazzino 47 per cui Mattia Margaroli ha di recente suggerito una riconversione a biblioteca. A questo specifico proposito vorrei, non solo esprimere la mia contrarietà, ma evidenziare altresì come detta ipotesi non sia in alcun modo rappresentativa del vedere del centro-destra bresciano, limitandosi a mera opinione personale. Colgo l’occasione per ricordare al sig. Margaroli che essere capogruppo non significa dare aprioristicamente una linea a qualsivoglia scelta, idea o posizione, tanto più senza il dovuto confronto con le altre realtà o forze politiche affini che hanno a cuore il futuro cittadino. Il bando per la cessione dell’area di via Industriale 47 a quella base d’asta, inoltre, è stato voluto ed ottenuto dalla stessa giunta Paroli al precipuo scopo di consentire a chiunque (fatto salvo manifestasse uno stato debitorio) desiderasse ristrutturare l’area, prendendovi parte secondo i termini di legge. Vengo poi alla mia contrarietà circa l’ipotesi di una biblioteca: innanzitutto non ci sono i mezzi economici per realizzarla o, ancor meno, mantenerla. Data la posizione sarebbe poi scomoda e lontana da quella centralità di quartiere che da ad una biblioteca il suo stesso motivo di frequentazione e, quindi, d’essere. Ultimo, ma non per questo meno importante: il sig. Margaroli non può pensare che i centri sociali (siano essi connotati politicamente a destra o sinistra) siano luoghi da demolire tanto a cuor leggero. Essi rappresentano, in fondo, la dovuta risposta pubblica alla necessità dei giovani di socializzare e divertirsi. Semmai il problema è trovare la migliore formula perché questo avvenga nel rispetto legale e sociale.

.

Comments

comments

5 COMMENTS

LEAVE A REPLY