“Invito a Palazzo 2013”: il 5 ottobre Ubi banca apre alla visita di palazzo Martinengo Villagana

0

Il Banco di Brescia aderisce alla manifestazione “Invito a Palazzo 2013”. L’iniziativa, giunta alla dodicesima edizione, è promossa dall’Associazione Bancaria Italiana e consente di visitare, gratuitamente, gli storici palazzi in cui hanno sede i più importanti Istituti di Credito nazionali. Invito a Palazzo è l’appuntamento annuale di grande successo che le banche organizzano per far meglio conoscere alla comunità un patrimonio di testimonianze artistiche e di vita civile costituitosi in Italia nel corso dei secoli. Realizzata dalle banche e dall’ABI, la manifestazione consente di aprire al pubblico per un’intera giornata – quest’anno sabato 5 ottobre – i palazzi delle banche, trasformati, in quest’occasione, da luoghi della professione bancaria a spazi museali aperti liberamente alla cittadinanza.

Sabato 5 ottobre dalle 10.00 alle 19.00 sarà aperto al pubblico Palazzo Martinengo Villagana, sede storica del Banco di Brescia in Corso Martiri della Libertà nr. 13. Il palazzo fu edificato da Giovan Battista e Antonio Marchetti intorno al 1750 per incarico del Conte Giovanni Martinengo e fu acquistato dalla Banca San Paolo di Brescia nel 1907 che vi trasferì la propria sede nel 1926, dopo una consistente opera di adattamento curata dall’ing. Egidio Dabbeni. Il Banco di Brescia apre con rinnovato orgoglio le porte di Palazzo Martinengo Villagana ai visitatori, dopo il recente restauro che ha riportato alla bellezza originale lo storico edificio. Sarà possibile visitare il primo piano, usualmente non accessibile al pubblico, con i corridoi e la sala del Consiglio.

Questa giornata rappresenta per il Banco di Brescia la condivisione del patrimonio artistico, che conserviamo e valorizziamo, e delle nostre radici comuni. In particolare la raccolta d’arte delle banca, costituita negli anni con cura e attenzione, contiene una serie di preziosi dipinti che raccontano brani fondamentali della storia dell’arte bresciana.

Comments

comments

LEAVE A REPLY