Lampedusa, Brescia e la Valcamonica pronte ad accogliere i profughi

27
Bsnews whatsapp

Una tragedia, e non la prima, che ha visto vite spezzate, corpi dispersi tra le onde, paura e terrore negli occhi. Lampedusa traccia un altro segno indelebile su una situazione che non sembra fermarsi, arrestarsi, trovare una soluzione. 111 quelli senza vita, 200 quelli dispersi, 200 quelli sopravvissuti ma alienati dalla paura. L’Italia che chiede aiuto all’Europa perché non c’è risposta immediata a questo dolore.

Una voce arriva da Brescia da Paolo Cominelli, presidente della cooperativa K-Pax di Breno: «È il nostro lavoro accogliere i migranti: siamo operativi per farlo» dichiara al Corriere della Sera di Brescia e aggiunge: «Dal 2004 lavoriamo a un progetto Spar di accoglienza integrata, e in neanche dieci anni la Valle Camonica ha accolto circa 200 persone. Con il nuovo progetto, al via nel 2014, si potranno accogliere fino a 35 migranti l’anno». Non solo la Valcamonica protagonista attiva, ma anche l’associazione Adl di Brescia: «Con la partecipazione diretta dei comuni Brescia, Castenedolo, Azzano Mella e Lumezzane – spiega Agostino Zanotti, presidente di Adl – si darà vita a un sistema integrato di accoglienza, che innalzerà a 110 il numero di migranti che Brescia e provincia potranno accogliere ogni anno». Non si tira indietro anche il Comune di Brescia e lo confermano le parole dell’assessore Marco Fenaroli: «Brescia è da 30 anni che vive nei contrasti dell’immigrazione e ha saputo farne tesoro e portarsi avanti. Parliamo di un progetto che sosterrà e darà stabilità alle associazioni coinvolte, così da essere in grado di offrire una vera accoglienza».

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

27 COMMENTI

  1. non è la soluzione! negli stati uniti non lo farebbero mai. Non siamo una nazione – centro accoglienza, siamo una nazione minuscola che non è attrezzata per queste situazxioni. che l’europa faccia qualcosa!

  2. Finalmente si da spazio alla solidarietà che da sempre caratterizza la gente della nostra terra. Tra l’altro costa molto meno che non nei cie che sono dei veri lagers inumani.

  3. E’ una dimostrazione di grande solidarietà che fa onore al nostro territorio e che mette a tacere i ( tutto sommato pochi ) razzisti presenti nella nostra provincia.

  4. Quella che intendi tu si chiama carità, non solidarietà. Se vogliamo capirci forse dobbiamo incominciare con l’uso corretto del linguaggio: non per sfoggio di cultura, ma per aiutare la comprensione.

  5. Chiedo alla redazione se puó pubblicare il n’ di un conto corrente dove poter versare un contributo per l’accoglienza. Grazie

  6. Ovviamente chi è contrario a questa iniziativa non può essere altro che un razzista xenofobo neofascista filonazista con la svastica tatuata, vero? Valcamonica, preparati a un’ondata di furti, scippi, stupri e rapine, e soprattutto a un florido e produttivo boom culturale

  7. Già in Italia siamo nella merda, in più dobbiamo mantenere questi, visto che la via più facile è fare soldi con la criminalità, bene, guarda caso da quando li accogliamo la criminalità è aumentata…ma avete ragione qua in Italia siamo tutti ricchi sfondati benestanti, possiamo permetterci di manette personaggi di quella calibro (paragonati a alla politica italiana)..bene bene sostenete queste iniziative bravi. Spero non vi capiti mai nulla da parte di loro, xké vorrei proprio vedervi dopo tutti ad incitare la loro espulsione ad quant’altro.

  8. che vergogna leggere commenti di persone che nemmeno sanno di cosa parlano. Stiamo parlando di rifugiati, ovvero di persone che fuggono dalla guerra. Sono un numero esiguo rispetto ai migranti per lavoro e abbiamo l’obbligo morale e anche internazionale di accoglierli. Chi scrive sulla spinta di paure primitive andrebbe mandato a Lampedusa per un mese a raccogliere i morti. SArebbe per loro una lezione di umanità necessaria per trasformarli in persone vere.

  9. Ogni clandestino si becca 45€ al giorno in saccoccia come paghetta in più vitto e alloggio sono gratis ben coccolati dalle varie assiociazioni che hanno il loro bel ritorno economico.

  10. Caro utente "vergogna", i clandestini egiziani, turchi, pakistani che sbarcano a Lampedusa , in Calabria etc NON sono persone che hanno diritto ad asilo in quanto non provengono da zone di guerra o simili.Vanno rispediti a casa. Gli altri che rientrano nella fattispecie sopracitat vanno aiutati. MA NON TUTTI come vorrebbero i compagni del PD e i loro amichetti di SEL…….Chi non è in regola con la NOSTRA legislazione va espulso. Guardate un po’ come fanno le altre Nazioni europee e non solo…Il nostro non è razzismo ma semplicemente buonsenso.Certo qualcuno con questi disperati ci GUADAGNA, per loro è un lavoro!!!

  11. Sono contento ed orgoglioso di vivere in Vallecamonica.E che in valle ci siano simili iniziative di vero altruismo e solidarietà.BRAVI!!! !

  12. Chiedo alla redazione se puó pubblicare il n’ di un conto corrente dove poter versare un contributo per l’accoglienza. Grazie

  13. A leggere i commenti pubblicati sembra che noi siamo una nazione di morti di fame, che facciamo fatica a mettere insieme il pranzo con la cena, abbiamo tutti i pantaloni con le pezze ed andiamo a rovistare i cassonetti dell’immondizia in cerca di qualche avanzo. C’è un partito politico che vuol mettere il Crocefisso in tutti luoghi pubblici, ma i militanti di quel partito, quanto a comportarsi secondo l’insegnameto di Cristo lasciano molto a desiderare.

  14. no ma infatti la crisi e la disoccupazione sono invenzioni……gli italiani non hanno voglia di lavorare…fortuna che ci sono i nostri fratelli migranti!ok siamo 60 milioni e le casse sono vuote ma se ci stringiamo io dico che anche in 80-90 milioni ci stiamo dentro bene no? Infatti non si è buoni cristiani se non si evapora di fronte allo straniero!

  15. possiamo mandare per ogni migrante arrivato clandestinamente in Italia, un buonista cattocomunista a prenderne il posto. Può andare come idea?

  16. Proporrei di mettere a disposizione degli sbarcati a Lampedusa il condominio TINTORETTO… hanno diritto ad avere una casa… E in piazza Loggia una mensa collettiva offerta dal sindaco…. naturalmente paghiamo noi cittadini!!!!!!! Altrimenti ci chiamano razzisti!!!!!

RISPONDI