Facebook, tredicenne sequestrata da un “amico” di chat. E’ salva

0

26 anni, sposato, un lavoro da impegato e una vita tranquilla. Eppure da mesi corteggiava, dalla sua casa in Svizzera, una 13enne di Isorella. Come? Su Facebook, dove si sarebbero conosciuti. Si è conclusa nel migliore dei modi una vicenda incredibile che ha visto come protagonista una ragazzina della Bassa Bresciana, adescata sul social network e poi rapita, fisicamente, per essere portata in Svizzera.

L’epilogo è successo mercoledì, ma non era la prima volta che lo svizzero si recava nella Bassa per vedere la giovane, che frequenta la seconda media. Bresciaoggi, che riporta la notizia nell’edizione odierna, racconta che nelle precedenti visite l’uomo si è limitato a passare del tempo con lei, anche durante i giorni di scuola, quando lei marinava. Molti apprezzamenti su Facebook, poi le visite con i regalini (o regaloni, come uno smartphone) per la 13enne, e infine, mercoledì, il rapimento: è questa, vista l’età della ragazza, l’accusa per la fuga ideata dallo svizzero.

Da Isorella i due sono partiti per dirigersi in un ostello di Figino, in Svizzera. Da lì, verso mezzogiorno, la ragazza è stata contattatadai carabinieri ai quali ha raccontato tutto approfittando della momentanea assenza del suo rapitore. La polizia svizzera si è recata sul posto ed ha arrestato il 26enne.
(a.c.)

 

Comments

comments

LEAVE A REPLY