Notte di controlli al Carmine: scoperti lavoratori in “nero” e locali non a norma

7

Carmine sorvegliato speciale nella notte di venerdì sera da parte della polizia. La Questura di Brescia insieme all’Arma dei Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia Locale, Vigili del Fuoco, Ispettorato del lavoro e Polizia Stradale,  hanno controllato, in base alle loro specifiche competenze, 9  esercizi commerciali. Su 90 avventori controllati 15 sono risultati positivi ai controlli di Polizia. Sono stati emessi 2 provvedimenti di sospensione dell’attività imprenditoriale per la presenza di lavoratori “in nero” oltre la soglia del 20% ed date sanzioni amministrative di 1.500 euro per ogni lavoratore non regolarmente assunto; un locale è risultato non in regola rispetto alle norme in materia di sicurezza e quindi dovrà pagare 1.200 euro di multa ed effettuare il prima possibile i lavori e le modifiche necessarie per mettersi a norma. Una donna di nazionalità moldava sprovvista di titolo di soggiorno ed impiegata “in nero” è stata accompagnata in Questura, a seguito dei riscontri AFIS è risultata irregolare, pertanto è stato deferito all’A.G. il proprietario per aver impiegato una cittadina straniera irregolare. Non sono mancati i controlli sulle auto: su 60 autoveicoli, sono stati emessi 10 verbali per infrazioni al codice della strada e, in particolare, due per guida in stato di ebbrezza con denuncia a piede libero, ritiro della patente e sequestro amministrativo delle autovetture. Altre due sono state sequestrate perché sprovviste di assicurazione.

Comments

comments

7 COMMENTS

  1. Da questo articolo si intuisce quanto la movida abbia risanato il Carmine equanto baldanzosi si sentivano alcuni gestori. E, n’est pas que un debut.

  2. ecco a cosa servono cittadini di serie B e clandestini: ricattabili e disponbili a tutto, lavorano per 2 euro all’ora. Bene le sanzioni agli sfruttatori.

  3. Finalmente dopo due anni di sottovalutazione dei tanti problemi, si apre uno spiraglio. Ora aspettiamo di vedere che vien fatto rispettare il diritto dei residenti a raggiungere le proprie abitazioni, le norme igieniche con l’obbligo di un bagno ogni cento persone, le norme sulle vie di fuga, ecc. ecc.

  4. finalmente. è da tempo che di notte non si dorme e che i parcheggi già scarsi sono usurpati da chi non ha permessi, faccio notare che le nostre vie sono diventate vespasiani a cielo aperto.

  5. Che strano però : mai visto controlli ai negozi del Carmine gestiti da pakistani, cinesi, egiziani, filippini, indiani !!! Io che abito proprio vicino al Carmine so bene che dentro quei negozi TUTTO IL PERSONALE E’ IN NERO perchè passano sempre come fratelli, cugini, figli dei titolari e così nè INPS, nè VIGILI URBANI o GdF possono andare a controllarli !!!
    Come al solito DUE PESI e DUE MISURE …. naturalmente a favore dei POVERI EXTRACOMUNITARI !!!

  6. Ma veramente erano presenti i Vigili del Fuoco? E quali misure intendono adottare, visto che è loro compito, per prevenire pericoli di incendio o altro? Le vie e i marciapiedi sono completamente invasi da centinaia se non migliaia di persone. E se scoppiasse un incendio quanto morti o feriti ci sarebbero visto che non sussiste alcuna via di fuga? Interverranno i Vigili del Fuoco per riportare la situazione nella normalità?? Speriamo in bene. E’ l’ultima speranza.
    .

LEAVE A REPLY