Ambiente, Rolfi: “Più poteri ai sindaci”

5

Approvato emendamento del Carroccio alla legge regionale recante disposizioni in materia ambientale. Nel merito è intervenuto il propositore e vice capogruppo della Lega Nord, Fabio Rolfi.

“Esprimo grande soddisfazione per l’approvazione di questo emendamento – commenta Fabio Rolfi – che prevede un netto rafforzamento delle prerogative dei sindaci in materia ambientale. In sintesi, questa norma fornisce ai Comuni la possibilità di tutelare in modo reale il proprio territorio dagli effetti negativi dovuti all’installazione di nuove discariche e, più in generale, di ogni tipologia di impianti di smaltimento riconoscendo e sostenendo le buone prassi esercitate da tanti sindaci lombardi.

Da oggi infatti i sindaci interessati avranno la facoltà di stipulare convenzioni compensative con i soggetti richiedenti; questi accordi potranno prevedere misure di ristoro dei disagi causati per le comunità che saranno costrette ad ospitare, sul proprio territorio, i nuovi impianti. In altri termini ciò significherà più soldi e maggiori risorse da mettere a disposizione degli Enti locali per opere di interesse collettivo, di pubblica utilità o per eventuali bonifiche ambientali.

Si tratta di una misura è di grande importanza perché fornisce ai sindaci in modo chiaro lo strumenti per adempiere al primo dei compiti che dovrebbe essere proprio di ogni buon amministratore, ovvero la tutela della comunità che rappresenta. Inoltre, grazie a questa norma, saranno evitati in futuro episodi scandalosi come quello avvenuto recentemente a Montichiari, dove un sindaco, reo di aver difeso la propria gente, è stato ingiustamente trattato – chiosa Fabio Rolfi – alla stregua di un delinquente.”

Comments

comments

5 COMMENTS

  1. Vorremmo ricordare a Rolfi che i sindaci avrebbero già uno strumento per tutelare la propria comunità da insediamenti molto impattanti come cave e discariche. Imporre la corretta aliquota IMU a queste aree che non può essere quella agricola come avviene scandalosamente dappertutto.
    Sarebb e un concreto deterrente anche per ulteriori richieste di insedimaneti non giustificate dal fabbisogno. La Regione dovrebbe invece modificare la legge regionale 14/1998 che norma il settore estrattivo introducendo un articolo: "La proprietà del fondo cava, a bacino recuperato come previsto dal piano cave provinciale, diventa di proprietà pubblica".

    Sarebb ero finite le richieste di discarica a vanvera. Altro che obolo compensativo a posteriori.

  2. una vera pensata per dare un potere smisurato ed inutile ai sindaci..ma sopratutto la possibilità di taglieggiare gli imprenditori….comp limenti

  3. Ci faccia capire meglio, Rolfi. Arriva una discarica, non si sa utile o necessaria, con la bendizione della Regione. Il Comune subisce totalmente l’insediamento, ma il Sindaco che ha pochi denari in cassa ne chiede un po’ai proprietari della discarica come compensazione per il proprio amato, martoriato suolo padano. Non necessariamente euro da destinare alla salvaguardia dell’ambiente, quindi. A me questa storia ricorda qualcosa che è successo recentemente a Montichiari, ma potrei essere un visionario…

  4. Mi pare che per Rolfi "tutelare in modo reale il proprio territorio dagli effetti negativi dovuti all’installazione di nuove discariche" coincida semplicemente con la possibilità per il Comune di intascare due soldi in più.
    Ed io che pensavo che per tutelare il territorio si dovesse difenderlo dagli impianti inquinanti … accidenti a me, non avevo proprio capito niente!

LEAVE A REPLY