Iva mai versata, sequestrati beni per 8,5 milioni di euro al senatore PdL Conti

14

Guai per il senatore bresciano del Pdl Riccardo Conti, 66 anni il prossimo 6 novembre. Stando a quanto riporta il Corsera di Brescia, la Guardia di Finanza avrebbe sequestrato 8,5 milioni di euro al senatore bresciano. A Conti viene contestato il mancato versamento dell’Iva relativo alla comparavendita di un immobile a Roma, in via della Stamperia.

Il senatore avrebbe acquistato l’immobile dal fondo Omega il 31 gennaio del 2011 per 26 milioni per poi rivenderlo lo stesso giorno a Enpap (Ente Protezione degli Psicologi) per quasi il doppio, ben 44 milioni di euro.

La plus-valenza di 18 milioni dovrà essere spiegata da Conti, indagato per truffa aggravata. Il valore dei beni sequestrati al senatore bresciano dovrebbe corrispondere all’Iva che l’ex parlamentare non avrebbe versato. Il provvedimento è stato firmato dal gip del Tribunale di Roma.

Comments

comments

14 COMMENTS

  1. Operazione complessa e indecifrabile con qualche curiosità, ad esempio, su chi vende a Conti. Cioè il Fondo Omega, partecipato al 30% da Intesa San Paolo ma gestito da Idea Fimit (società finanziaria di asset management) il cui Presidente è Antonio Mastrapasqua, cioè il Presidente dell’INPS (che non fa solo quello, ma somma qualcosa come 25 cariche varie in consigli di amministrazione e collegi sindacali). E chi compra da Conti nello stesso giorno è un Ente Previdenziale Nazionale, cioè quello degli Psicologi. Tutte casualità e cose non importanti, ovviamente. Come altrettanto casuale, visto che è indagato un parlamentare, è che l’immobile disti trenta metri da Palazzo Chigi e cento dal Parlamento, cioè molto lontano dai luoghi della politica, appunto.

  2. Anche oggi beccato un bresciano !( si precisa che non versare l’iva è un furto, quasi come rubare gomme da masticare al supermercato…..) )

  3. Mi aspetto che pidiellini e i loro fedeli alleati leghisti scrivano che la Guardia di Finanza è un covo di comunisti.

  4. «Preparavo io le buste con i soldi per Penati»
    La testimonianza della segretaria di De Caterina
    Secondo la Procura, il denaro sarebbe confluito in una sorta di «contabilità parallela», ma l’imputato respinge le accuse

  5. uno come conti che produce alla collettività un danno enorme a quanti piccoli delinquenti equivale? uno, cento, mille? purtroppo fa più rumore il ladruncolo di supermercato, soprattutto se straniero.

  6. un senatore con uno stipendio di 300mnila euro all’anno dove ha trovato tutti questi soldi? chissà chissà, tanto finirà come sempre nel migliore dei modi… per il senatore

  7. Si leggono commenti che accennano alla carriera politica di Conti. E’ vero: figura di primo piano della DC bresciana, già Presidente di ASM, Conti nei primi anni novanta veniva indicato dai massimi rappresentanti democristiani di allora, Gianni Prandini su tutti, come il futuro Sindaco della città. Ma la scoperta di Tangentopoli azzerò la Dc e con essa il sogno di Conti. Risalì non subito in sella, grazie all’amicizia soprattutto con Buttiglione, che fra CCD e UDC, lo portò in Parlamento per più legislature. Parallelamente, una folgorante carriera di immobiliarista di altissimo livello, lui, laureato in filosofia e titolare, prima, solo di una storica libreria di Via Tosio a Brescia.

  8. Ma non era lo stesso lucroso affare citato dalla Gabanelli, nel quale entrava anche un alto esponente PDL, indagato pure per la banca-M de Paschi- dei giulivi compagnoski? Evviva, evviva,è ritornato il compromesso storico!!!!

  9. A parte che questa storia è molto più complicata delle poche righe dell’articolo. Ma indovinate chi è stato il venditore di un appartamento sito a Roma che è stato sottoposto a sequestro? Un tale che si è baby pensionato da magistrato alla tenera età di 44 anni,ed ora ne ha 63. E’ passata questa info ieri sera al tg la7, in mezzo a copie di assegni non coperti presso UBI di corso Martiri della Libertà, visure camerali, catastali,ecc.

LEAVE A REPLY