Trovati in cascina carcasse di animali e cani bruciati: denunciato veterinario

0

Una scena raccapricciante quella che si sono trovati di fronte due volontari del Partito protezione animali a Nuvolera. Una azienda agricola, che allevava vitelli in condizioni illegali, era diventata anche un cimitero di carcasse di animali. Come riporta il Corsera, il proprietario della cascina, che è pure un veterinario, all’arrivo della Forestale e dell’Asl ha tentato di disfarsi dei resti degli animali, senza riuscirci. Mentre era filmato dalle forze dell’ordine.

I Fatti: nel pomeriggio del 29 ottobre i volontari del partito animali si sono recati a Nuvolera a seguito di segnalazione di un loro iscritto e hanno trovato vitelli morti da diversi giorni gettati su cataste di legno, cani bruciati ed ossa animali sparse. Immediato l’intervento del corpo forestale dello stato di Brescia e Gavardo, dell’Asl di Brescia e dei Carabinieri di Nuvolento. In attesa delle autorità il padrone della cascina, tentava di distruggere le prove e, con una grossa ruspa, di caricare quanti più carcasse possibili. Oltre ai cadaver sono stati anche trovati vitelli, sì vivi, ma detenuti in condizioni terribili che sono stati posti sotto sequestro dai Forestali. Lo stesso proprietario è denunciato alla magistratura. 

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Adesso cosa succederà ? Probabilmente con una multa salata e nulla più.
    Il mostro continuerà a fare quello che ha fatto fino ad oggi perché è così che funziona.
    Un applauso alle forze dell’ordine, ma è la politica che deve trovare la soluzione adatta per questi reati.

LEAVE A REPLY