Procura fa ricorso in ritardo, assolto albanese accusato dell’omicidio

8
Palagiustizia di Brescia
Palagiustizia di Brescia
Bsnews whatsapp

La Corte d’Assise lo aveva dichiarato innocente, la Corte d’Appello invece non potrà nemmeno esprimersi. Tutto per un cavillo burocratico: cioè la Procura avrebbe presentato il ricorso un giorno dopo la scadenza dei termini. Così il processo di secondo grado contro Roland Dedja, 29enne albanese accusato dell’omicidio del connazionale Shepetim Cupa, 44 anni, ucciso a colpi di pistola  durante una rissa scoppiata fuori dal Copacabana di via Orzinuovi nel febbraio 2010, non è nemmeno iniziato.

Come riporta il giornale di Brescia è stato il suo avvocato  a sottolineare in aula come al momento della presentazione del ricorso da parte della Procura i termini fossero scaduti e così  la sentenza di primo grado è passata in giudicato. L’imputato, assolto, non era comunque presente perché nel frattempo si trova in prigione a Parma per l’evasione avvenuta il 26 luglio di tre anni fa dal penitenziario di Pisa, e per una rapina fatta una volta fuori di galera.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

8 COMMENTI

  1. In una settimana un albanese assassino liberato e un terrorista arabo lasciato scappare…ecco cosa vuol dire avere dei magistrati che fanno politica invece di perseguire i reati (quelli veri).

  2. Ma se é stato assolto in prima istanza, un motivo ci sarà. Se Lancini fosse assolto in prima istanza cosa diranno allora i colpevolisti? e cosa gli innocentisti?

  3. se è veramento successo che per colpa di un ritardo del giudice non si fa l’appello, a questo giudice cosa succedde, viene promosso? la mia provocazione nasce che se un citadino sbaglia paga, per i giudici invece cosa accade? sembra nulla. E’ giusto? non credo. Da qui la riflessione, non sarebbe utile la riforma della giustizia a partire dalla riforma del modo di lavorare entro gli uffici giudiziari? Personalmente penso di sì.

  4. Il massimo di "punizione2 per un giudice che sbaglia è il deferimento al CSM.Ma , come dice il vecchio adagio popolare, cane non mangia cane. Pertanto, ammesso e non concesso che venga deferito al masimo gli faranno un piccolo richiamo che non influirà sulla cariera e stipendio….Saremmo felici di essere smentiti da qualche utente che conosce il segreto mondo della magistratura.

RISPONDI