A Breno e Cedegolo i punti d’acqua pubblici sono solo per residenti

0
Bsnews whatsapp

Niente acqua pubblica se non si è residenti: questo succede in due comuni della Valle Camonica, Breno e Cedegolo, e presto anche a Edolo e Piancogno. Sono state infatti inaugurate le «casette dell’acqua» che erogano la stessa acqua dell’acquedotto più filtrata, refrigerata e gassata, per chi lo vuole. Per poterne usufruire è necessario essere residenti e per dimostrarlo va inserita la propria tessera sanitaria. Come riporta il Corsera, le amministrazioni giustificano questa decisione con il fatto che il servizio ha un costo e che non va «regalato» a turisti, studenti, e persone di passaggio. Fatto che ha già scatenato polemiche, soprattutto tra gli studenti e che si differenzia dal resto della provincia bresciana dove Provincia e Authority per l’acqua hanno installato 125 punti acqua che forniscono lo stesso servizio delle "casette", senza escludere nessuno, con l’unico limite di rifornirsi di massimo 2 bottiglie consecutive e 6 nel corso della giornata.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Ricordiamo un famoso slogan: "Acqua pubblica", pare che in valle Camonica questo non sia vero. Prossimamente verranno chiuse le fontane pubbliche perchè sprecano del prezioso "oro trasparente" ?

  2. Esempio raccapricciante di campanilismo all’italiana. Quello che è mio è mio e di te chissenefrega. E’ questo modo di pensare che ci ha portato dove siamo gente, certi amministratori dovrebbero capirlo.

  3. Bene! A Breno e a Cedegolo, se non ci offrono l’acqua, non ci fermeremo più a bere il caffè, a comprare un panino, a mangiare in un ristorante, etc. etc.

  4. Secondo un consolidato motto, un bicchiere d’acqua non si nega a nessuno. Dovremo mutarlo aggiungendo ad esclusione che a Breno e Cedegolo, per ora? E’ di una decisione di un campanilismo egoista e ottuso senza eguali.

RISPONDI