Sabato il ministro Kyenge atteso in città. Beccalossi: no grazie, Brescia ha già dato

21
Bsnews whatsapp

E’ stata invitata due volte, e entrambe all’ultimo momento ha cancellato la visita. Il Comune però ci riprova e ha organizzato per sabato 11 gennaio alle 10 un convegno all’auditorium San Barnaba al quale dovrebbe, in questo caso il condizionale è d’obbligo, partecipare anche il ministro per l’integrazione, cecile Kyenge.

Convegno che però non vedrà la partecipazione dell’assessore regionale di Fratelli d’Italia, Viviana Beccallossi, come è lei stessa ad annunciare sulla sua pagina Facebook: “Mi è appena arrivato un invito dal sindaco di Brescia Del Bono per un convegno sul tema dell’immigrazione – scrive Beccalossi che il primo gennaio aveva messo come desiderio del 2014 quello di vedere il ministro a casa -. Ospite d’onore il ministro Kyenge. Risposta: anche no, grazie! Brescia ha già dato”.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

21 COMMENTI

  1. ..e così il Comune di Brescia organizza un convegno sull’immigrazione.Ma che senso ha ???Invitare la sig.ra ministro Kyenge, ovvero l’ennesimo tentativo di GIUSTIFICARE le politiche pro immigrazione di questo governo ???Per carità , non bastava spendere risorse e soldi nell’operazione "mare nostrum"(???!!!) ora(per l’ennesima volta) devono giustificare il tema dell’"accoglienza" !!!Mentre tanti Italiani sono senza lavoro, questi politici NON hanno nulla di meglio da fare che inneggiare all’accoglienza. Povera Italia ….

  2. La Kyenge, ministro non eletto come già detto, proveniente da un paese dove vige la legge del macete,(Tradotto vuol dire:democrazia imposta ) Potrebbe averne uno sotto la gonna???

  3. Non nutro simpatia per la Kyenge, e sinceramente l’avrei vista meglio alla sanità (visto che è medico) piuttosto che all’integrazione… Ma siamo in Italia e preferiamo la Lorenzin che non conosce la differenza tra un globulo rosso ed una piastrina….. Cmq anche la Becca fa l’assessore dopo la trombata elettorale, ed il suo stipendio non cresce sulle piante…

  4. Allora dire che tu hai la polenta nel cervello non é una valutazione? La Kyenge é cittadina italiana come te e me, é stata regolarmente eletta in Emilia, non esiste l’elezione diretta dei ministri in qs paese e nemmeno in altri. Sei poco italiano perché non conosci nemmeno com’é la nostra democrazia. É sicuramente più italiana la Kyenge di te.

  5. la beca per vivacchiare cavalca l onda del momento!!!una volta la caccia.una volta gli immigrati,eccecc e tira a campa^,,,,,e che campa^!!!

  6. Caro utente "@teor" , la signora Kyenge sarà anche cittadina (purtroppo)italiana. Lo è diventato per un mero "incidente" della storia . NON è italiana come cultura e civiltà.Un dato di fatto è che sta facendo di tutto per distruggere quel poco che resta dei cittadini italiani….Vedasi cosa fa come ministro ….

  7. Caro utente "Rolando" , Voi dite che vedreste bene la sig.ra Kyenge alla sanità….Crediamo non sia una luminare ma , semplicemente, un medico oculista….Danni ne ha già fatti all’attuale ministero.Per carità , una che sbaglia gli aggettivi e i verbi…Poi non riuscirebbe a cominicare con il suo staff….Ad ogni modo speriamo che la sig.ra NON venga a Brescia.NON abbiamo bisogno delle sue passerelle. I problemi sono ben altri che l’integrazione dei "fratelli migranti"….E ,poi, oggettivamente, i "colpevoli " del fatto che abbiamo ministri stranieri in Italia è del PD e dei suoi elettori. Quindi, cari compagni, un domani non potrete nemmeno arrabbiarVi se perderete il posto di lavoro , perchè le priorità(come dice il sig. Renzi)sono l’immigrazione, le coppie di fatto….

  8. Si é sempre italiani per -incidente- Anche tu sei italiano per incidente della storia, non lo hai scelto. E si é italiani con tutti i propri pregi e difetti. Anche tu sei nero (non di pelle, ma…), anche tu sei da sopportare per le sciocchezze che scrivi, anche tu sbagli spesso grammatica e punteggiatura: non si dice -aggettivi E i verbi- ma -aggettivi ED i verbi, non si dice -cominicare- ma – comunicare-, non si parla al plurale (crediamo che..) soprattuto se non si ha proprio nulla di maiestatis, non si mette la virgola dopo la E (E, poi..), lo spazio deve essere messo dopo la virgola ed il punto e mai prima, invece per le parentesi va messa prima e mai dopo. Quanta ignoranza ! Se si aggiunge che non critichi il nazifascismo per quello che é stato, ovvero la negazione della civiltà, direi che non hai proprio nulla da insegnare a nessuno ne per cultura ne per civiltà. Sicuro di essere italiano?

  9. (x che vergogna)se è per questo,per le figure di palta combinate,anche la bresciana marysteel gelmin,dovrebbe nascondersi,altro che farsi fotografare in posa da diva.

  10. La Beccalossi non tira a campare.
    Ha solo espresso il suo personale parere sulla sua pagina di FB. Non si è fatta pubblicità.
    A me non è mai stata particolarmente simpatica ma sto con lei.

  11. Il gran rifito all’invito di Del Bono viene da una Signora che proviene orgogliosamente dalla destra neofascista e che a Brescia fu scoperta politicamente da Ignazio La Russa, il quale poi non la abbandonò mai. Dal Movimento Sociale ad AN, da AN al PDL, di cui fu Segretario provinciale, è stata candidata Sindaco per il centrodestra a Brescia ben due volte (battuta da Martinazzoli e da Corsini). La Beccalossi fu poi Assessore e Vicepresidente berlusconiana in Regione Lombardia. Tutto sembra finire con la nascita di Fratelli d’Italia: non eletta all’ultima tornata in Regione, viene però nominata Assessore e fa parte dei quegli 11 assessori esterni su 14 della Giunta Maroni, che ci costeranno parecchie milionate du euro nei prossimi quattro anni. Con questo curriculum, da vera immortale della politica come mestiere, la Signora Beccalossi deve ancora dirci di cosa si occupa esattamente in Regione il suo vecchio compagno, pardòn camerata, Mario Labolani già assessore della Giunta Paroli ed anch’egli non più eletto in Comune. E alla fine forse potrebbe anche stringere la mano alla Signora Kyenge, che una vita così tranquilla certo non ha fatto da quando è venuta al mondo.

  12. Caro utente "rob" Vi ringraziamo per la dotta (!!!???) lezione di grammatica….Gli errori a volte si fanno per superbia , ovvero non controllare la forma ….Pertanto l’ignoranza probabilmente è compagna della Vostra vita.Da parte Vostra potrete certamente collaborare con i corsi di alfabetizzazione che saranno , a breve, "creati" dal Vostro amato governo Piddino o dal Vostro amato sig. sindaco….In ogni caso la Vostra amata sig.ra ministro è italiana in quanto ha sposato un italiano(??!!).Noi siamo italiani da GENERAZIONI, per scelta dei nostri genitori quando ci hanno concepito….Pertant o i Vostri discorsi buonisti e internazionalisti andateli a fare al circolo del PD o alla casa del popolo , vale a dire presso i Vostri simili.Certamente il Fascismo ed il Nazionalsocialismo hanno avuto alcune gravi lacune, ma considerarli il male assoluto ci sembra assurdo e non corrispondente al vero.Probabilmente i concetti semplici Vi rendono tutto più comprensibile : continuate a semplificare la Vostra vita e a vivere nelle Vostre misere certezze.Voi avete un concetto di Civiltà diverso dal nostro. Tenetevelo. Assieme al consumismo ed al capitalismo,figli degni di quest’Europa….

  13. Si vede che ti sei sforzato a controllare la forma, ma non ci siamo ancora. Se sei superbo come dichiari, abbassa la cresta. É facile sai? Invece di considerarti di una razza superiore, prendi atto dei tuoi difetti e sopportati, come fanno tutti. Gli uomini, caro rob, sono tutti uguali, apparteniamo alla stessa specie e abbiamo pari dignità, indipendentemente dal colore della pelle, dell’etnia, del luogo di provenienza. Che differenza fa? É lo stesso.

  14. Caro utente "@rob", Vi ringrazio per la Vostra magnaminità!!!In ogni caso Voi potrete sempre restare con i Vostri simili e bearvene. Come noi stiamo bene con i nostri. Che certamente ed in modo incontrovertibile NON sono, a Voi ed alla Vostra "razza", in nessun modo simili. Ed ora andate pure a bearVi delle Vostre "similitidini" nel luogo che più Vi aggrada. Ad maiora….

RISPONDI