Calvisano, anziano 84enne si lamenta per i botti e i ragazzi lo rapinano

7

Nonostante capodanno e i suoi botti sia ormai passato da un po’, qualcuno non smette di usarli, magari per finire le scorte. Così un gruppo di ragazzini ha iniziato a far scoppiare sotto caso di un anziano signore di 84 anni di Calvisano, botti su botti. L’uomo è uscito di casa e con il cellulare in mano ha minacciato la banda di chiamare i carabinieri se non avessero smesso. Purtroppo non solo non è stato ascoltato, ma come riporta il Corsera la vicenda ha preso una brutta piega. I ragazzini si sono avvicinati all’uomo, gli hanno strappato il cellulare di mano e poi lo hanno aggredito rubandogli orologio e portafoglio. i teppisti sono poi fuggiti e l’uomo ha chiamato i carabinieri per sporgere denuncia. 

Comments

comments

7 Commenti

  1. se spunta il pedagogista HBK, quello della crisi etilica della 15enne a dice che insomma non bisogna riprenderli troppo questi pargoli per non ferire la loro sensibilità …. prenderli e metterli a pulire il giargino dell’84enne per 2-3 mesi …

  2. No, non bisogna ferire la loro sensibilita’. Bisogna ferire il loro deretano. A calci in culo per tutta la via del fatto e ritorno (se in presenza deigenitori, meglio ancora).

  3. No, non bisogna ferire la loro sensibilita’. Bisogna ferire il loro deretano. A calci in culo per tutta la via del fatto e ritorno (se in presenza deigenitori, meglio ancora).

  4. @vediamo: sono onorato di essere citato nei tuoi post…ma in questo caso ti sbagli, un conto è ubriacarsi fino a star mele, un conto è ubriacarsi e rapinare una persona e, attenzione, non è colpa dell’alcool. Fa poi sorridere il fatto che una delle persone che proponeva il pagamento delle spese mediche (o l’interdizione della patente a vita) per uno che si presenta in coma etilico al pronto soccorso ora proponga solo 2-3 mesi di pulizia del giardino a dei rapinatoti…è così difficile dare il giusto peso alle cose?

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome