Nascera’ a Leno un Centro per l’archeologia longobarda

0

Sono numerose le testimonianze longobarde presenti sul territorio lenese: dall’importante necropoli di Campo Marchione di Porzano all’antico monastero maschile, fondato dal re longobardo Desiderio nel 758 d.C, e dedicato a S. Benedetto.

Visite guidate agli scaviLa Fondazione Dominato Leonense e Cassa Padana Bcc hanno iniziato un percorso di riscoperta storica e di valorizzazione di questo immenso patrimonio da oltre 10 anni: convegni, successive campagne di scavo e studi hanno permesso di fare luce sulla gloriosa storia dell’abbazia benedettina lenese, il cui sito archeologico si trova all’interno del parco dell’ottocentesca Villa Badia, sede della Fondazione Dominato Leonense.

Al fine di riunire e valorizzare gli studi connessi al popolo longobardo e i ritrovamenti sul territorio lenese, nasce il progetto, , certo ambizioso, del Centro per l’archeologia longobarda “Dominato Leonense”. In accordo con la Soprintendenza per i Beni Archeologici della Lombardia, il progetto è in fase di pianificazione; qui saranno conservati ed esposti in mostra i reperti longobardi rinvenuti nel territorio lenese. Saranno inoltre promosse ricerche storiche e archeologiche, la didattica a tutti i livelli e saranno potenziate le attività di valorizzazione del patrimonio culturale, storico, economico ed ambientale dell’intero territorio un tempo controllato dal popolo longobardo.

Si prevede che il centro di documentazione longobarda potrà essere inaugurato alla fine del 2014. Nel frattempo, proseguono gli scavi archeologici nel terreno circostante Villa Badia. Un’ultima campagna, diretta dalla Soprintendenza per i Beni archeologici della Lombardia, ha scoperto la presenza di un’interessante insediamento alto medioevale. Ulteriori scavi ne chiariranno la natura.

Queste iniziative sono il risultato del perseguimento della filosofia della Fondazione Dominato Leonense e di Cassa Padana, convinte che il patrimonio storico e culturale abbia un’enorme valenza educativa: è capace di stimolare il senso di appartenenza delle persone al proprio territorio, che si riconoscono come facenti parte di una comunità con una storia che affonda le sue radici in un passato remoto, ma ancora carico di forza e di valori positivi.

Comments

comments

LEAVE A REPLY