Aumento tariffe trasporto pubblico, Fi: “Sconti subito ai bresciani distanti dal Metrò”

0
Bsnews whatsapp

Per rispondere all’aumento delle tariffe dei mezzi pubblici bresciani (il biglietto singolo di autobus e metropolitana è passato da 1,20 euro a 1,40 euro), il gruppo consiliare di Forza Italia ha lanciato la propria controproposta: ridurre le tariffe per i bresciani che abitano in zone non servite dalla metropolitana.

A lanciare la proposta è Mattia Margaroli, capogruppo di FI in Loggia che spiega: “tutti i cittadini pagando le tasse hanno dato il prorio contributo alla costruzione della metropolitana e non è giusto che solo qualcuno possa beneficiarne”.

Rispetto all’annuncio dell’assessore comunale alla Mobilità, Federico Manzoni (Pd), che ha dichiarato che la sua è “l’unica amministrazione ad aver ridotto le tariffe”, il capogruppo Margaroli ha risposto: “Peccato che abbia ridotto solo il costo del biglietto giornaliero – ha tuonato – e scommetto che i biglietti meno venduti sono proprio i giornalieri”.

Sul discorso mobilità è intervenuto anche il consigliere Giorgio Maione che, rivolgendosi direttamente al sindaco Del Bono ha ironizzato: “diceva di volere una città smart e green, ma se vuoi favorire il trasporto pubblico non aumenti il costo delle corse”. Per Paola Vilardi, “la luna di miele di Del Bono ora è finita – e attacca – il vicesindaco Castelletti ha promesso in campagna elettorale abbonamenti gratis per le famiglie: o non sapeva quel che diceva oppure era tutta propaganda spicciola”.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Distanti quanto? Facciamo un referendum, per risparmiare!
    Si dicono un sacco di sciocchezze quando non si hanno idee o argomenti.
    Quando Vilardi & C. erano dalla parte opposta della scrivania cosa hanno fatto e proposto?
    a) eliminato corsie preferenziali per gli autobus;
    b) previsto sconti per l’accesso ai parcheggi in centro per professori e studenti ( tutto per incentivare l’utilizzo dei bus);
    c) tessera ai cittadini bresciani per dimezzare il costo dei parcheggi(è questa la strategia per incentivare l’utilizzo del TPL?);
    d) eliminato le ZTL, per poi rivederle nuovamente solamente in vista della campagna elettorale (medesima strategia utilizzata per i parcheggi in Piazza Duomo);
    e) costruire un parcheggio sotto la galleria Tito Speri;
    f) autorizzato A2A all’abbattimento del setto sulla terza linea dell’inceneritore (rendendo vano lo scopo per la quale era destinata: bruciare le sole biomasse);
    g) approvare un PGT che prevede ancora consumo di suolo agricolo nella città;
    h) prevedere lo spostamento degli uffici comunali nell’area ex magazzini generali,in modo che l’utenza fosse obbligata ad utilizzare l’automobile per raggiungerli;
    i) prevedere il "PARCO" DELLO SPORT a Buffalora, mediante la cementificazione di un’area verde ormai completamente naturalizzata;
    l) spostare lo stadio di calcio in una zona priva di qualsiasi collegamento viario;
    m) parlare per cinque anni di piano della viabilità ciclabile, di investimenti per 10 milioni di euro, senza realizzare nulla, facendo degradare per mancanza di manutenzione i percorsi esistenti;
    n) pensare alla demolizione della torre Tintoretto…..ecc.. . ecc…ecc….
    o) dimenticavo, aumentato l’aliquota dell’IMU dal 4% al 6%, mentre il loro PRESIDENTE NAZIONALE faceva la campagna elettorale per eliminarla.

RISPONDI