Impiantato il quarto pacemaker senza fili su un uomo di 350 chili

0

All’ospedale Civile di Brescia ieri è stato effettuato un altro intervento avanguardistico ed eccesionale da un punto di vista tecnologico: l’equipe medica del dottor Antonio Curnis, direttore del laboratorio di Elettrofisiologia e cardiostimolazione dell’Università di Brescia e del suo collaboratore Luca Bontempi, ha impiantato il quarto pacemaker senza fili, il «Nanostim» lungo solo quattro centimetri,  in un paziente di 350 chili. «L’intervento è andato benissimo – spiega Curnis al Corsera – il paziente sta bene e sarà dimesso già domani perchè non è necessaria una degenza lunga visto che l’operazione non è invasiva».

L’intervento  stato complesso anche per lo stesso trasporto del paziente: per l’uomo è stata usata un’ambulanza speciale messa a disposizione dai vigili del fuoco ed è stato rinforzato sia il letto da degenza che quello della sala operatoria.

Il pacemaker senza fili è un’evoluzione importante: infatti riduce il rischio di infezioni e evita una serie di complicanze cliniche. Entro il 2014 il mini pacemaker potrà essere impianto in 20 centri di quasi tutte le regioni. 

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome