San Filippo, la Leonessa cede sotto la capolista Trento

0

Si chiude con una sconfitta della Leonessa il big match con Trento, che nel finale convulso del San Filippo gioca con maggiore freddezza e conquista due punti che legittimano il suo primato solitario. Un match giocato sul filo dell’equilibrio sin dall’inizio e che non ha mai permesso alle due squadre di distanziarsi per un numero di punti maggiore a 8. 

DI SEGUITO LA CRONACA DELLA PARTITA

Il “clasico” si apre con un canestro di Pascolo, cui replica immediatamente Slay con un arresto e tiro dalla media. Trento cerca di scappare e mette a referto un parziale di 4-0, ma la Leonessa è presente e rimane aggrappata al match con un buon Rinaldi e il solito Giddens. La partita viaggia su livelli d’intensità altissimi e prima di vedere un canestro passano dei minuti: la firma è di Rinaldi, ma Brescia non riesce a trovare il ritmo e fatica ad aumentare il suo vantaggio. L’Aquila si conferma avversario ostico e risponde colpo su colpo a ogni offensiva della Leonessa, anche se dopo i primi 10 minuti di gioco ad essere avanti nel punteggio è Brescia sul 16-14.  Il secondo quarto si apre con una Trento intraprendente in attacco e solida in difesa, che cerca l’allungo ma trova sulla sua strada una Leonessa caparbia e un J.R. Giddens spettacolare, che libera tutte le energie in corpo in una violenta schiacciata a una mano. Baldi Rossi da una parte e Fultz dall’altra continuano a bucare la retina e la distanza tra le due squadre non supera mai i 3 punti: con un colpo di reni (2/2 di Rinaldi dalla lunetta) Brescia conclude anche il secondo quarto avanti sul 33-32.

Nei primi 4 minuti di terzo quarto Trento sembra poter scappare, quando con Baldi Rossi e Pascolo si porta a +8 (45-37): su le ali del pubblico fantastico (quello bresciano) però, la Leonessa trova la forza di rimontare con Loschi, Fultz e Giddens, riportandosi a -1.  L’Aquila però non si scompone e non crolla sotto le offensive dei padroni di casa: Pascolo e Spanghero (quest’ultimo dalla lunetta) mantengono Trento a contatto, ma non riescono comunque a impedire a Loschi e Giddens di confezionare i quattro punti del +1 in vista dell’ultimo quarto.

Nell’ultimo quarto il copione è il solito: botta e risposta continuo tra le due squadre, con il risultato che a 40 secondi dal termine il punteggio è fissato sul 70-70. Rinaldi fa 0/2 in lunetta, mentre Triche ½: sarà proprio questo tiro libero a rivelarsi decisivo per le sorti del match. Di Bella viene stoppato nelle vicinanze del canestro e Trento conquista i due punti, confermandosi in testa alla classifica di Adecco Gold.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome