Treni occupati dai senzatetto: è allarme in stazione

8

Carrozze dei treni che diventano un dormitorio. La stazione di Brescia di notte si popola e i senzatetto ne sono gli abitanti. Una situazione di emergenza segnalata sulle pagine del Giornale di Brescia che sottolinea come gli "inquilini" dei treni siano anche restii a scendere causando così ritardi e sospensione delle corse. Un pendolare sentito dal quotidiano racconta che mercoledì mattina, tra le sei e le otto, due treni non sono riusciti a partire ed altri sei che hanno accumulato ritardi tra i venti minuti e l’ora. "La situazione va avanti da mesi, Soltanto ieri ne ho visti scendere cinquanta da un solo treno". Temendo ritorsioni il personale di Trenitalia e Trenord teme insulti e aggressioni sui vagoni e si ritrova poi costretto a chiedere l’intervento della Polfer per sgomberali e consentire le partenze. I pendolari, quando riescono finalmente a salire, si trovano a viaggiare su carrozze sporche e puzzolenti.

Comments

comments

8 Commenti

  1. bella xxxxata! non è vero che siano tutte risorse, parliamo di diversi senza tetto bresciani. ad ogni modo, rossi gialli o neri che siano la mia proposto è molto semplice: una bella azione dimostrativa.

  2. d’altronde le carrozze dei treni regionali per i pendolari che maroni e zaia hanno cancellato, bisogna pur parcheggiarle da qualche parte….

  3. questi sono i risultati di quel signore che guadagna cosi poco!!!!!!!e che a minacciato di mollare le fs se gli abbassano lo stipendio!!! mandate lui a bonificare i vagoniiiiii

  4. Lo "scandalo", invece di essere costituito dal fatto che vi siano persone senza tetto, tra l’altro certamente molte di più di quelle cinquanta viste scendere da un treno, è dato dal ritardo nella partenza. E i più geniali cosa propongono? Di risolvere l’emergenza abitativa? Certo che no, loro una casa ce l’hanno, quindi si accontenterebbero di vedere i treni lindi e pronti al servizio. I problemi non contano, l’importante è che non si vedano e, quindi, non disturbino. Che schifo!

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome