Leonessa sconfitta dal Verona: si allontanano i playoff

0

Brutta sconfitta per la Leonessa, che esce dal PalaOlimpia di Verona con un passivo di 29 punti (90-61) e vede le speranze di raggiungere i playoff ridotte al lumicino. Decisivo l’allungo dei padroni di casa nel terzo quarto, nel quale hanno segnato 28 punti a fronte dei 12 dei bresciani.

 

 Verona parte alla grande con un parziale di 7-0 propiziato dai canestri di Taylor, Gandini e Callahan. La Leonessa ci prova con l’artiglieria pesante e con le triple di Slay e Loschi si porta a -2 ma dall’altra parte la Scaligera è ordinata e costruisce buoni tiri in attacco. Buoni tiri, ma tanti errori, soprattutto dall’arco: Brescia invece sbaglia poco e con un mini parziale di 5-0 (tripla di Giddens e semigancio di Rinaldi) si trova a -1 quando sul cronometro ci sono 4 minuti da giocare. Verona ricomincia a segnare con Smith e Boscagin, la Leonessa continua la sua marcia (anche se limitata da qualche decisione arbitrale) e la partita si alza di livello: Bushati da una parte, Boscagin dall’altra e con un canestro di Di Bella il primo quarto si chiude sul 24-22. Su imbeccata di Jack Maspero, Fultz trova il pareggio nei primi istanti di secondo quarto: da questo momento Brescia si scompone in attacco e la Tezenis ne approfitta, mettendo a referto un parziale di 10-2 grazie ai canestri di Da Ros e Smith in particolare. Di Bella prova a costruire una rimonta e sulle ali del capitano arrivano 9 punti in rapida successione: Verona prova a rispondere con Davide Reati e Matteo Da Ros, ma la Leonessa è in un grande momento e grazie a un ottimo Cuccarolo, chiude il primo tempo a sole tre lunghezze di distanza (44-41).

 Brescia apre al meglio il terzo quarto, con Tommaso Rinaldi che dal post va a mettere il -1: Smith risponde sulla sirena dei 24, seguito a ruota da Boscagin e Taylor. Giddens ne mette quattro in un amen ma per la Leonessa cominciano ci sono tanti errori al tiro: Verona coglie al volo l’occasione e in contropiede costruisce un parziale di 9-2, che costringe coach Martelossi al timeout. La situazione non migliora, anzi degenera: il capitano dei veronesi, Giorgio Boscagin, sale in cattedra e con 7 punti consecutivi incanala la sfida su binari più che favorevoli. Brescia va in confusione e in difesa non riesce più a mordere come nel primo tempo: Verona in fiducia diventa una macchina da guerra e con una tripla di Davide Reati si chiude un impietoso terzo quarto per la Leonessa. L’ultimo periodo è una lenta agonia per la Leonessa, che seppur lottando (il tuffo di Rinaldi per recuperare un pallone, la difesa commuovente su ogni possesso di capitan Di Bella) chiude la partita a punti di distanza da Verona.

 

Comments

comments

LEAVE A REPLY