Lega, ufficializzata la candidatura di Oscar Lancini per l’Europa

19
POLITICA A BRESCIA - Danilo Oscar Lancini (ex sindaco Adro) - diritti Andrea Tortelli
POLITICA A BRESCIA - Danilo Oscar Lancini (ex sindaco Adro) - diritti Andrea Tortelli

È stata ufficializzata oggi nel primo pomeriggio, in via Bellerio, nella sede federale della Lega Nord per l’indipendenza della Padania, la candidatura di Oscar Lancini al Parlamento europeo. A proposito delle imminenti elezioni, che si svolgeranno nel mese di maggio, il sindaco di Adro si dice sicuro ed entusiasta: «Ho lavorato tanto come sindaco e penso di aver dimostrato che per me la cosa più importante è la mia gente». Inizia così la campagna elettorale per il candidato bresciano che, sostenuto anche dalla segreteria provinciale della Lega Nord, dovrà raccogliere migliaia di preferenze per essere eletto. «In Europa intendo rappresentare le istanze del grande popolo padano, come la necessità di autonomia, di indipendenza da Roma e da Bruxelles, che opprimono i nostri lavoratori e le nostre imprese». «È ora di dire basta ai centralismi, alle curvature dei cetrioli e alla lunghezza delle banane. Il mio pensiero – conclude il Lancini – si riassume nella frase “prima i nostri”, sono certo che i padani vorranno accordarmi la loro fiducia».

Comments

comments

19 COMMENTS

  1. Io non faccio parte del grande popolo padano. I padani sono dei popolani. Io sono un Cittadino, parola che non esiste nel vocabolario padano.

  2. Se fossi cittadino di Adro, sarei fiero di essere rappresentato da Oscar Lancini. Chi segue davvero la politica, e non solo la uffa, sa bene che Lancini è un preparato, appassionato e autorevole sindaco. Il mio voto sarà senz'altro per lui

  3. Commenti da…Oscar! Finalmente dopo tanti raccomandati avremo un vero e proprio rappresentante del popolo a difendere gli interessi del volgo dal fazzuolo verde smeraldo. Era ora che la POLITICA a capital letters esprimesse un candidato immacolato e portatore di idee d’avanguardia. #VAMOS

  4. Chi sono i nostri? Sono i "nostri amici"? Lancini é sotto processo per aver aver dato in appalto (questa é l’accusa) ad aziende amiche i lavori del comune. Mi viene il sospetto che "i nostri" non siano tutti, come dovrebbe essere.

  5. Un altro segno della deriva estremista della Lega: alleati con i fascisti di Le Pen, candidano un estremista. Guadagneranno qualche voto dei duri e puri (si fa per dire visto che é ben difficile mettere insieme secessionisti e nazionalisti) ma perderanno il consenso dei moderati.

LEAVE A REPLY