Tavernole, promessa di nuovo alloggio e sfratto rimandato per la famiglia di Brahim

15
Una manifestazione per il diritto alla casa promossa dall'associazione Diritti per tutti - foto dal sito ufficiale
Una manifestazione per il diritto alla casa promossa dall'associazione Diritti per tutti - foto dal sito ufficiale

A Tavernole sul Mella è filato tutto liscio come l’olio. L’associazione Diritti per Tutti e la Lega Nord avevano organizzato entrambi un presidio davanti all’abitazione di Brahim, in Italia da 22 anni e operaio alla Galvano Technik di Gardone Val trompia finché non hanno chiuso il reparto cromatura per il quale lavorava.

I due gruppi si sono presentati entrambi davanti all’abitazione in via di sfratto, anche se in numero decisamente diverso. I rappresentanti di Diritti per Tutti superavano il centinaio, i leghisti solo otto. Il risultato? Rinvio dello sfratto di due mesi e rassicurazione da parte dei Carabinieri di una nuova sistemazione per la famiglia.

DI SEGUITO IL TESTO INTEGRALE DEL COMUNICATO DI DIRITTI PER TUTTI

La provocazione leghista si è rivelata un flop totale. Al picchetto convocato dall’Associazione Diritti per tutti per difendere la famiglia di Brahim c’erano cento manifestanti, al presidio indetto da Lega Nord del paese e dai Giovani padani della provincia per chiedere l’esecuzione dello sfratto solo 8 persone, contate e fotografate. Brahim – in Italia da 22 anni, con la famiglia, moglie e 5 figli di cui due minori – ha sempre lavorato come operaio, gli ultimi 12 anni alla Galvano Technik di Gardone, fino al licenziamento per la chiusura del suo reparto. Lo sfratto previsto per stamattina è stato bloccato e rinviato di due mesi. I carabinieri hanno assicurato che ci sarà l’assegnazione straordinaria di un alloggio prima del prossimo accesso. Successivamente il picchetto si è spostato a Villa Carcina ottenendo anche in questo caso il rinvio di due mesi in attesa del passaggio della famiglia sotto sfratto in una casa ALER.

Comments

comments

15 COMMENTS

  1. Figuraccia dei leghisti. Ma é mai possibile che per risolvere i problemi si debbano fare i picchietti? Ma le istituzioni che fanno? Le amministrazione gestite dalla lega lasciano sempre inquilini e proprietari da soli. Alla lega interessa solo speculare politicamente sulla xenofobia.

  2. Da quando è alleata di Berlusconi, cioè da sempre, la Lega si schiera dalla parte del più forte. Contro i deboli. Ecco i veri difensori della cristianità ( Borghezio )

  3. Con un appello dei giovani padani dell’intera provincia e della Lega nord hanno messo insieme 8 persone: non hanno studenti universitari padani, pensionati padani, disoccupati padani? Vogliamo contare quanti sono i leghisti che vivono di politica, i funzionari, i consiglieri provinciali, regionali, i portaborse? Solo con quelli avrebbero potuto essere in centinaia! Inutile cercare di giustificare questo fallimento e questa perdita di consenso anche nelle valli. PS: forse qualche consigliere leghista era a fare shopping a spese dei contribuenti, italiani e immigrati…

  4. far lavorare questi 100 (dico cento) attivisti per aiutare le famiglie in difficoltà ?? .. "scusi scusi lei che lavoro fa ? "io l’attivista" … "ma si rende conto che il paese sta andando a rotoli e forse sarebbe meglio rimboccarsi le maniche?" "bhe ma poi chi fa i picchetti?"

  5. Se chi ha commentato qui sotto ha lavori da proporre a Brahim si faccia vanti altrimenti eviti di fare lo spiritoso. Quel signore ha lavorato 22 anni in fabbrica, non ha paura di faticare, è pronto anche a fare volontariato per la comunità valtrumpina. Sul dramma di chi è stato licenziato e non trova un altro lavoro evitate di fare sarcasmo.

  6. certo a volta basta leggere le cose, non è complesso, si insegna fra i banchi al posto di "picchettare" … massimo rispetto per Brahim …. la domanda è "come è possibile coinvolgere in ogni punto della provincia centinaia di attivisti ?? cosa fa questa gente per campare ?? perchè non fanno la file nei centri per l’impiego"

  7. Per esempio, il sottoscritto lavora e fa i turni, quindi capita di avere la mattina libera. Altri, magari lavorano part time, oppure fanno lavori che impegnano il sabato e/o la domenica e quindi hanno libero un altro giorno della settimana. Ci sono lavori con orari flessibili. Ci sono lavori che si fanno in proprio, decidendo i tempi. Addirittura, qualcuno potrebbe essersi preso un giorno di permesso, come fanno molti che nella vita si dedicano anche al volontariato. Basta far funzionare il cervello per spiegarsi le cose, potrebbe farcela persino un leghista…

  8. Poveretti, non riuscite a capire che questi sono tutti mega spot per la Lega.Cosa avranno pensato i Tavernolesi nel vedere 100marocchi esagitati che occupano una casa per permettere ad uno di loro di viverci a sbafo.? 100 di questi eventi!

  9. Come al solito non hai capito. Proprio grazie al presidio si é ottenuto che la famiglia avrà una assegnazione straordinaria, così i proprietari rientreranno in possesso della loro proprietà. Se il Comune di Tavernole anziché soffiare sul fuoco facesse il suo lavoro, il problema sarebbe già risolto. Ma pretendere questo da certi amministratori é troppo.

  10. Che bello, avete capito? questi grazie ai 100 energumeni maghrebini, che ovviamente ne magistrati ne forze dell’ordine si sognano di disturbare,avranno casa gratis, casa che quindi non verrà tolta a qualche italiano indigente….olè!

  11. Basta guardare le fotografie: il centinaio di militanti sono forse una trentina e sono TUTTI, fatto salvo per i 2 soliti noti , extracomunitari ….Tra l`altro ero in zona, ho parlato con alcuni cittadini di Tavernole ed effettivamente queste sceneggiate sono un ottimo spot elettorale per la Lega….PS Il Giornale di Bs e Bsoggi parlano di alcuni denunciati tra gli “antagonisti“ per manifestazione non autorizzata….Ahi , ahi, Voi che parlate di difendere la Legge poi cadete in questi sbagli….

  12. Ripeto anche qui: la campagne elettorale per le europee è già in pieno svolgiemnto con qualche leggera, minima sfumatura locale. La Lega Nord deve superare l’arduo sbarramento del 4% e ce la farà con un gran finale anti-euro e anti-immigrazione. Non contano le otto persone di Tavernole, sarà il voto di opinione a salvare la loro rappresentanza in Europa.

LEAVE A REPLY