Secessionisti: liberi Orini e gli altri bresciani. Solo Cattaneo ai domiciliari

0

E’ questione di poche ore e sette dei 24 serenissimi arrestati il 2 aprile scorso con l’accusa di terrorismo ed eversione dell’ordine democratico usciranno dal carcere. A stabilirlo sono stati i giudici del tribunale del Riesame di Brescia . Tra loro ci sono l’ex parlamentare Franco Rocchetta e il leader dei Forconi, Lucio Chiavegato, Roberto Bernardelli, Riccardo Lovato, e i bresciani Roberto Abeni e Corrado Manessi, e Giancarlo Orini.

E’ stata sostituita la misura del carcere con i domiciliari per per Tiziano Lanza, Corrado Turco, Stefano Ferrari, così come per il bresciano Michele Cattaneo.

Ai secessionisti venivano contestati diversi reati per aver dato vita ad un’allenanza tra indipendentisti bresciani e veneti con l’obbiettivo di staccarsi dall’Italia, se necessario anche utilizzando la forza. I giudici hanno stabilito che non si trattasse di associazione a delinquere finalizzata al terrorismo, ma hanno confermato l’accusa di fabbricazione di arma da guerra. Ora la competenza del caso passa al tribunale di Padova. “Da Brescia arriva una buona notizia ma resta la vergogna dei giorni di galera fatti a causa di una idea – ha commentato il segretario della Lega Nord Matteo Salvini sulle pagine del Corsera – Sono contento perché avevamo detto che avremmo passato Pasqua in galera noi per solidarietà”

Comments

comments

1 COMMENT

  1. inchiesta ridicola e questi sono i risultati…intanto quelli che occupano le case con la violenza sono tutti a piede libero.

  2. Altro che omologazione "a sinistra"… Ma ve l’immaginate se avessero beccato, solo per fare un esempio, qualche No TAV con in garage una ruspa blindata? C’è gente in galera da un pezzo per molto ma molto meno, quindi pochi piagnistei.

  3. Caro utente "Dài,dài", se proprio vogliamo parlare di reati d’opinione in Italia si va’ in galera per molto meno….Basta un saluto romano!E i NO Tav (senza entrare nel merito delle loro posizioni)non ci sembrano dei pacifisti….Oppure basta vedere i "bravi ragazzi" dei "blue blok" cosa hanno combinato a Roma sabato scorso contro le forze dell’ordine. Prima provocano, insultano e lanciano di tutto. Poi piagnucolano come educande!Compreso il "furbo" che , poverino!, nel lanciare un petardo ci ha lasciato la mano….

  4. Da quel che si evince, loro erano rimasti dov’erano, senza nuocere a nessuno. Sono stati i magistrati a mandar armati a tirarli giù dal letto di prima mattina per tradurli in galera. Chissà cosa s’aspettavano- o speravano- di trovare… Un buco nell’acqua, costato un sacco di soldi pubblici, oltre tutto. Tre anni d’indagini, alcuni milioni di spesa e magistrati che non rispondono mai a nessuno, bah

LEAVE A REPLY