Cevo, periti al lavoro sulla croce di Job: cosa l’ha spezzata?

0

Con l’arrivo in mattinata del perito incaricato dalla Procura di Brescia, prende il via l’indagine contro ignoti per omicidio colposo in seguito al crollo della croce di Job che ha travolto e ucciso il 21enne bergamasco Marco Gusmini.

Dal momento della tragedia è tutto fermo a Cevo, l’area in questione è stata posta sotto sequestro e i pezzi della croce sono stati conservati per le analisi degli esperti. Sembra che il carico d’acqua caduto lo scorso week end avesse impregnato tanto il legno di cui è fatta la croce da renderlo fragile. Si valuterà anche il grado di manutenzione della croce e lo stato conservativo al momento della caduta. Saranno questi gli elementi che permetteranno al sostituto procuratore Katy Bressanelli di accertare eventuali responsabilità.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. oltre al peso del cristo, il legno curvato anche se lamellare esposto al sole , al freddo, alla pioggia , si altera col tempo e senza una adeguata manutenzione ( tipo quella che si fà per le barche con la chiglia di legno ) il materiale diventa instabile e soggetto a continue dilatazioni che via via provocano fessurazioni e crepature , ancor di più vista la innaturale forma della croce, bellissima , soggetta ad un carico non indifferente e particolarmente pendente .
    Io penso che la manutenzione non sia stata eseguita a dovere sopratutto nel punto di rottura, la curvatura critica , e la pioggia ultima ha fatto il resto purtroppo .
    porgo le mie sentite condoglianze alla famiglia di questo bravo ragazzo

LEAVE A REPLY