Beppe Grillo torna a Brescia. Lunedi sarà in piazza Paolo VI per il #vinciamonoi tour

9

Un anno fa riempì la piazza con migliaia di bresciani, e pochi giorni dopo anche il Parlamento con moltissimi deputati e senatori. L’obiettivo ora è quello di spedire altrettanti parlamentari a Bruxelles. Beppe Grillo, capo riconosciuto del Movimento 5 Stelle assieme al fido Casaleggio, torna a fare tappa a Brescia per la campagna elettorale per le elezioni europee del 25 maggio.

L’appuntamento con il comico genovese è fissato per lunedì alle ore 21 in piazza Paolo VI, quando cioè giungerà in piazza il solito camper a bordo del quale attraversa l’Italia in lungo e in largo, da Palermo a Torino, fino all’epilogo programmato a Roma il prossimo 23 maggio, per la chiusura del #vinciamonoi tour.

Prima di Grillo saliranno sul palco alcuni cantanti e performer, , Lil Klips ed ElettroNico from Start to Move. A seguire invece gli interventi dei portavoce locali, tra cui probabilmente Laura Gamba, unica grillina in Consiglio Comunale a Brescia.
(a.c.) 

Comments

comments

9 Commenti

  1. Grillo è l’ultima speranza per l’Italia e per Brescia. Dopo il governo della destra (vuoto totale a parte i furti e il disastroso PGT) ora si prosegue con la cricca di Corsini che ha svenduto a2a , che ci ha indebitati a vita con un’inutile metro ( – 2% del traffico), con ampliamenti delle ferriere alla diossina in città, con ignavia totale sulla Caffaro tumorale….W i non collusi che vogliono democrazia di base togliendo potere ai partiti cricca. PD = partito democristiano FI = forza indagati

  2. Che pd e fi siano quello che sono è sotto gli occhi di tutti ma è troppo facile per i grillini fare gli onestoni senza aver mai governato nulla: nei 2 unici comuni che governano combinano un casino dietro l’altro, prova ne sia che lo stesso grillo non vuole vedere pizzarotti neanche dipinto sul muro.

  3. Non è finita invece per gli arrestati illustri di oggi, 8 maggio. Primo Greganti "il compagno G" dell’inchiesta Mani Pulite che vedeva coinvolta alla grande anche la sinistra. Claudio Scajola, fedelissimo berlusconiano e quattro volte ministro. Ma anche Gianstefano Frigerio, pluripregiudicato di Tangentopoli e per parecchi anni numero uno della DC lombarda, poi eletto in Forza Italia nel 2001 in Meridione dopo avergli "ridedominato il nome" sulla lista elettorale e sui manifesti elettorali. E poi Paris, uomo chiave nella gestione degli appalti per Expo 2015. Nel mondo queste cose si leggono e la nostra credibilità è direttamente proporzionale allo sfascio etico, culturale ed economico.

  4. non ho mai seguito la politica e ne vado orgoglioso. Ora abbiamo un comico-cannato, seguito da giovani cannati….poi abbiamo un vecchietto che va a fare opere di bene al ricovero dicendo: "vado dai vecchietti…." e rimane un giovane che ce la mette tutta e viene criticato a priori….Facciamo prorprio ridere…..o piangere? Sono sempre andato a votare….orainizio ad avere dei forti dubbi….speriamo bene….Con l’Italia meravigliosa che abbiamo e che tutti ci invidiano, passiamo il tempo a litigare come si fa all’asilo….non si possono togliere i partiti e fare tutti assieme qualcosa di buono per questa nostra Bell’Italia?

  5. I politici in circolazione, quelli che lei dice di aver da sempre votato, hanno avuto più di sessant’anni per "fare qualcosa di buono per questa nostra bella Italia". E i risultati si vedono. Il probema non è litigare o meno, ma cambiare o meno chi guida le sorti del Paese e si ritorna a nomi e cognomi di persone che tutto vogliono al di fuori del cambiamento che li travolgerebbe ed eliminerebbe tutti indistintamente. Compreso Renzi, che lei non cita ed è in realtà, benchè agghindato da rottamatore, il più furbo dellla compagnia. Lei non segue la politica, ma la politica segue lei. Sveglia !

  6. Se orgogliosamente non ha mai seguito la politica, in base a cosa ha sempre votato? Metteva una crocetta a caso sulla scheda? Cosa vuol dire "fare qualcosa tutti assieme"? Tutti assieme chi? Lei farebbe qualcosa con un Dell’Utri o con un Greganti, tanto per citare due personaggi che riempiono i giornali in questi giorni? In Italia, come ovunque, ci sono brave persone e farabutti: bisogna scegliere, non ci sono scappatoie. Al posto dei partiti, cosa propone per organizzare in maniera democratica la cittadinanza? Mah…

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome