Condannato all’ergastolo per aver ucciso il suo lavapiatti: ordinato nuovo processo

0

Dopo le due condanne all’ergastolo, ora sarà giudicato davanti alla corte d’assise d’appello di Milano Gioacchino Farruggio, il ristoratore di origini siciliane che nel giugno del 2011 sparò e uccise Imaad El Kaalouli, il suo lavapiatti, un 19enne marocchino. Come ricorda il Bresciaoggi tutto successe al ristorante il «Gattopardo» sul lungolago di Desenzano. Reoconfesso, l’imputato è stato accusato di omicidio premeditato, aggravato da motivi abietti e futili. Infatti il giorno dell’omicidio il marocchino andò al ristorante per trovare un accordo sulle sue dimissioni, ma invece la situazione finì in tragedia. I difensori di Farruggio puntano sul fatto che non ci fosse premeditazione, anche perché a quell’incontro, poi fatale, c’era anche la consulente del lavoro dell’imputato, figura che gli avvocati denotano come indicativa del fatto che l’episodio seguito non era previsto. 

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome