Partono per l’Erasmus, ma i soldi della borsa di studio tardano ad arrivare

0

Partire per studiare all’estero, grazie ai Fondi europei e con il contributo, per gli Atenei che se lo possono permettere, anche delle Università. Questo è l’Erasmus, un progetto che molti giovani intraprendono Ma dopo un’esperienza in Spagna il ritorno è stato amaro per 4 studenti iscritti all’Università degli Studi di Brescia, rientrati a fine febbraio dalla Spagna dopo un periodo di studio a Madrid e a Valencia.

Normalmente il piano di finanziamento prevede tre trance per liquidare allo studente la borsa di studio: come riporta il giornale di Brescia la prima rata entro i primi quarantacinque giorni di permanenza all’estero, la seconda in un tempo più breve e la terza al rientro. Pecato che nel caso degli studenti i ritardi si siano verificati sin da subito: i 4 hanno dovuto aspettare fino a Natale, nonostante la partenza a settembre per le prime due rate. E oggi, al ritorno, la terza da saldare non è ancora arrivata. Gli studenti raccontano al quotidiano che la causa sarebbe una piattaforma che dovrebbe estrapolare tutti i loro dati, coordinate bancarie comprese. "Aggiorniamo, nuovamente, la nostra pagina personale e fiduciosi pazientiamo, convinti che nel giro di pochi giorni i soldi sarebbero arrivati", dicono. Il problema è che questo ritardo non coinvolge solo i 4 rientrati, ma anche chi attualmente si trova all’estero e chi in passato ha fatto l’Erasmus partendo da Brescia. 

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome