Prostitute cinesi online, arrestata banda di sfruttatori

0

Ha coinvolto anche la città di Brescia l’operazione Fenghuang che ha dato esecuzione per quattordici ordinanze di custodia cautelare, nei confronti di una banda composta da italiani e cinesi. L’accusa è sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione. Come riporta il Giornale di Brescia il giro è stato scoperto dalla squadra mobile di Rimini, guidata dal vice questore aggiunto Nicola Vitale. Oltre a Brescia le altre città coinvolte sono Milano, Cremona, Reggio Emilia, Modena e Forlì, dove le prostitute cinesi e senza permesso di soggiorno, esercitavano la professione. La banda portava le ragazze a Rimini per la prima prova e poi le destinava alle varie città. L’attività avveniva in appartamento e gli annunci delle prestazioni erano pubblicizzati su siti internet.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Chissà se ( forse ) qualche bravo padano ha pagato queste extracomunitarie per "sentirsi dire ciccio bello e coccolone"

  2. vi dico soltanto,(ne ho la prova!) che gli italiani non sono immuni a queste poverelle!!!! infatti chi gli arriva fra le unghie, ( ed ha qualche soldino!!) non viene lasciato tanto presto…….. ve lo garantisco…….

LEAVE A REPLY