Agroalimentare Aib, gli aspiranti chef del “Perlasca” di Idro vincono la sesta edizione del concorso

2

L’istituto “Giacomo Perlasca” di Idro si aggiudica la sesta edizione del Concorso Agroalimentare-Caseario organizzato da Associazione Industriale Bresciana per valorizzare le competenze degli studenti delle scuole alberghiere della provincia.

 

Alle spalle del Perlasca, si piazza la squadra del Cfp “Canossa” di Brescia, mentre i ragazzi dell’istituto “Vincenzo Dandolo” di Bargnano di Corzano conquistano la terza posizione. Quarto posto ex equo per il “Caterina de’ Medici” di Desenzano, il Cfp “Canossa” di Bagnolo Mella e per l’istituto “Terenzio Olivelli – Romolo Putelli” di Darfo. 

Come ormai tradizione, per il concorso ogni squadra ha cucinato e servito in tavola  un pasto completo per una giuria composta da imprenditori e professionisti del settore, con una novità per le prove di quest’edizione: lo street food che prende sempre più spazio nelle abitudini dei consumatori.

La vice presidente di AIB per l’education Paola Artioli ha sottolineato come “il settore della ristorazione e dell’agroalimentare possa esser per i giovani un’alternativa ad occupazioni tradizionali di cui Brescia è ricca” ricordando inoltre che “l’imminente Expo potrà esser occasione per il settore e perBrescia per esaltare professionalità, idee e culture, soprattutto se espresse dai giovani.”

Mauro Esposto, presidente del settore agroalimentare-caseario  ha aggiunto che  “anche per questa sesta edizione, il merito va sicuramente ai ragazzi che si sono impegnati con professionalità e tenacia, ma va anche ai docenti  che hanno lavorato  con competenza, testimoni di quei valori e di quella passione che hanno reso la ristorazione italiana vera e propria icona nel mondo”. Un apprezzamento per il lavoro degli insegnanti condiviso e sottolineato  anche dal dirigente scolastico provinciale Mario Maviglia. 

A premiare i vincitori, questo pomeriggio in sala Beretta, insieme a Paola Artioli, vicepresidente di Aib per l’Education, e Mauro Esposto, presidente del settore Agroalimentare-caseario di Aib, c’erano l’assessore comunale alla Pubblica istruzione, Roberta Morelli, il collega della Provincia, Aristide Peli, e il dirigente dell’Ufficio scolastico provinciale, Mario Maviglia.  

Le prime tre squadre classificate si aggiudicano un assegno da spendere per l’acquisto di materiale didattico per la scuola (primo premio da 1.200 euro, 800 per il secondo, 600 per il terzo classificato).

Il concorso prevedeva inoltre l’assegnazione di alcuni premi speciali che sono andati a: Cfp “Canossa” di Brescia (miglior street food, miglior dolce e migliore servizio di sala), istituto Perlasca di Idro (migliore primo piatto e migliore secondo piatto), istituto “Caterina de’ Medici” di Desenzano (migliore servizio vini), istituto “Vincenzo Dandolo” di Bargnano (migliore ricerca sullo street food).

Comments

comments

2 COMMENTS

  1. Fuori concorso hanno partecipato, sempre in vista di Expo 2015, tutti i tangentari in cicrcolazione. Ha vinto Gianstefano Frigerio reinterpetando il mitico risotto alla milanese con foglia d’oro di Gualtiero Marchesi ridenominato per l’occasione:"Piatto ricco mi ci ficco". Complimenti.

  2. ahaahahahah ahahahaha ahaha uhuhuhuhhahahahahaha a haiaaa che cabarettista ahahahaha ahahaha ahahahahah ahahahaha vedo che far parte del team del comico pregiudicato aiuta!

LEAVE A REPLY