Piazza Vittoria sporca d’olio: l’assessore Muchetti chiede i danni agli organizzatori

7

Non bastasse la polemica che ha investito vincitore ed organizzazione, sull’opportunità di far partecipare la sua automobile alla competizione ed assegnarle un coefficiente moltiplicatore altissimo (leggi la notizia), non bastasse la polemica sulle multe degli autovelox inflitte agli automobilisti (leggi la notizia), c’è anche una polemica che ha investito, fin da venerdì, ma con maggior veemenza dopo l’arrivo di domenica, il Comune di Brescia. Non sono pochi infatti i cittadini che hanno fatto notare che la sosta delle auto nella rinnovata piazza Vittoria ha lasciato in eredità parecchie macchie d’olio sulla nuova pavimentazione.

Il Comune si era raccomandato con gli organizzatori di coprire la piazza con grandi tappeti. Così non è stato: sotto le macchine (nemmeno tutte) si sono visti pannelli di compensato o semplici cartoni, in alcuni casi piccoli, che non coprivano tutta la dimensione delle vetture. Così domenica, dopo l’arrivo della corsa, i bolidi affaticati dalle mille e più miglia percorse hanno perso gocce o in alcuni casi grandi macchie di olio. Il pavimento della piazza, in granito e porfido (su ordine della Soprintendenza), ha assorbito velocemente l’olio, con il rischio di rendere difficilissimo il ripristino della pulizia.

L’assessore Muchetti ieri ha chiesto che Aprica esca a pulire la piazza: ci vorranno sicuramente più uscite, e non è detto che si riesca a risolvere il problema. In ogni caso l’assessore ha garantito che chiederà un indenizzo agli organizzatori.
(a.c.)

Comments

comments

7 Commenti

  1. Trovo ridicolo il pensare che sarebbe bastato chiedere la copertura della pavimentazione di Piazza Vittoria senza poi controllare che quanto chiesto fosse davvero fatto. I vigili in questa **** di città cosa ci stanno a fare? Non potevano controllare? Adesso chiedono i danni. Ma per favore…la parola prevenzione non vi suggerisce MAI nulla?

  2. La settimana scorsa ho visto uno dei partecipanti alla Mille Miglia (targa austiaca) che nei pressi del monastero di S.Eufemia, gettava vesava una lattina di olio motore in un tombin. Mi sono avvicinato e cortesemente gli ho fatto notare, in italiano, che certe cose non si fanno, lui mi ha risposto in modo abbastanza sgarbato ed in tedesco che in italia è permesso. Io che il tedesco lo conosco abbastanza bene gli ho detto che avrei chiamato i vigili, al che è salito in macchina e si è allontanato. Purtroppo non ho avuto la prontezza di spirito di fare una foto. Comunque l’assessore Muchetti, secondo me sta facendo un ottimo lavoro, anzi lo inviterei ad esserte un po piu severo con chi non rispetta le regole. Italiano o straniero0 che sia.

  3. Il commento di scweik è un\’altra testimonianza e prova della arrogante inciviltà spudoratamente esibita da qualche partecipante alla mille miglia, anche durante il percorso.

  4. Bravo Assessore…..non credo che sia un problema per chi paga 7000€ di iscrizione per partecipare alla 1000Miglia e che si faccia scrupoli per contribuire a mantenere pulita la nostra Città che proprio si fa bella per consentire di organizzare manifestazioni come questa

  5. Molto esibizionismo ed altrettanta maleducazione spacciata per diritto a fare ciò che si vuole in nome delle milionate di euro al seguito della Mille Miglia storica. Chiedere anche ai titolari di bar e ristoranti, ma anche ad albergatori bresciani: di questi tempi fanno giustamente tutti "una piega", però…

  6. In effetti quel che dice mister brooom non fa una piega. Non basta raccomandarsi che una cosa venga fatta per considerare il proprio dovere svolto. Bisogna anche vigilare, e non stare sulla pedana di partenza a pavoneggiarsi come ha fatto un’ esimia rappresentante del comune.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome