Internazionali Forza e Costanza, dal 31 maggio si cerca la nuova campionessa

0

Per gli appassionati, e non solo per quelli di Brescia, è diventato un must. Tornano per l’edizione numero 7 gli Internazionali femminili del Forza e Costanza, il più importante torneo femminile della stagione in Lombardia. Basterebbe questo per spiegare come mai l’evento del Castello riesca a catalizzare ogni anno l’interesse di un numero sempre crescente di persone. Qui si radunano per nove giorni alcune delle protagoniste del tour mondiale, con tanti nomi che dai campi rossi sotto le mura partono per una carriera di vertice nel circuito Wta. Si comincia sabato 31 maggio con la due giorni dedicata alle qualificazioni, poi dal 2 giugno spazio al tabellone principale. La conferma è il montepremi: 25 mila dollari. Che in tempi di crisi economica significa un successo pieno. La novità è data dall’ulteriore miglioramento dell’offerta attorno alla manifestazione, con gli organizzatori che si sono impegnati per cercare di mettere tutti, giocatori e pubblico, nelle condizioni migliori per partecipare allo spettacolo. La speranza è che dopo sei edizioni di marca straniera, sia finalmente un’italiana a stringere la coppa. Impresa difficile, per la verità, perché la concorrenza da queste parti è sempre particolarmente agguerrita, a testimonianza del fatto che il nome degli Internazionali è ben conosciuto nel mondo e gode di un’ottima credibilità.

“Come al solito – spiega Alberto Paris, direttore del torneo e maestro del circolo – questo è l’evento clou della nostra stagione, e vogliamo fare in modo che tutto sia perfetto. Per questo abbiamo tanti volontari che ci aiutano a far sentire le giocatrici come in un evento di categoria superiore”. Difficile, al momento, sbilanciarsi sui nomi delle protagoniste, ma l’entry list promette scintille. Al netto di possibili forfait dell’ultimo ora, vale la pena di citare quella che al momento sarebbe la numero 1 del seeding, la tedesca Dinah Pfizenmaier, numero 84 al mondo. Ma attenzione alle giovani, in particolare a quelle dell’Est: la bielorussa Sasnovich e la russa Khromacheva su tutte. Capitolo italiane: come detto, sarà difficile vederne una sul gradino più alto del podio, ma dopo l’exploit dello scorso anno di Anastasia Grymalska, sconfitta solo nel match decisivo dalla Golubic, c’è comunque di che sperare. Tra le più attese ci sono la padrona di casa Giulia Remondina e la toscana Corinna Dentoni, 24enne che si allena al Tc Milano e che aveva smesso di giocare prima di ripartire con nuove ambizioni. In fondo l’età è ancora dalla sua parte, e Corinna aveva già mostrato il suo valore arrivando a ridosso delle top 100 del ranking. “Speriamo – chiude Paris – che il pubblico risponda come sempre, con il solito calore e una presenza importante. Siamo sicuri di poter offrire uno spettacolo di qualità molto alta. E siamo un po’ come talent scout, intenti a scoprire le campionesse di domani”. In attesa di lasciare la parola al campo, gli Internazionali 2014 sono stati svelati ieri sera a Villa Fenaroli (Rezzato), alla presenza di autorità e giornalisti. Al tavolo della presentazione, oltre ad Anna Capuzzi Beltrami, presidente del Tennis Forza e Costanza, anche il direttore del torneo Alberto Paris, il delegato provinciale Fit Fausto Loda, il consigliere regionale Fit Luciano Scaroni e Walter Muchetti, assessore alla rigenerazione urbana e politiche per una città sicura.

Comments

comments

LEAVE A REPLY