Turismo, alla Rocca di Manerba storia e territorio in un museo a cielo aperto

0

"Un felice connubio di tesori culturali e naturalistici da far conoscere sempre di più agli abitanti e ai tanti turisti che frequentano il Garda". L’ha detto l’assessore alle Culture, Identità e Autonomie di Regione Lombardia, visitando la Rocca di Manerba del Garda, oggi, nell’ambito della decima tappa dell’iniziativa ‘Culture in cammino’.

IL PARCO-MUSEO – "La Rocca e il suo parco – ha sottolineato l’assessore – sono una continua fonte di ricchezze che testimoniano l’amore del territorio per l’arte, la cultura e la natura". "Il Parco della Rocca – ha aggiunto l’assessore – è un vero ‘museo’ a cielo aperto, che ogni anno richiama tantissimi visitatori".

MUSEO CHE FA RETE – "Il Museo – ha sottolineato l’assessore – è un esempio del saper fare rete sul territorio, modello di valorizzazione sostenuto, in generale, da Regione Lombardia, perchè collabora con analoghe realtà della provincia di Brescia, di Mantova e di Cremona". "Fa piacere anche sapere – ha aggiunto – che il Museo registra, di anno in anno, un aumento di biglietti staccati, e quindi di visitatori, che dimostrano di voler sapere di più sulla storia del Bresciano e del Garda in particolare".

PERCORSO ARCHEOLOGICO – "Il percorso archeologico che si sviluppa all’interno della Rocca – ha spiegato la responsabile delle Culture lombarde – è ben curato e si presenta accessibile anche ai turisti stranieri grazie ai pannelli esplicativi e didattici bilingue". "Nella visita – ha sottolineato – si possono scoprire la storia e le identità del territorio bresciano, con reperti rari e resti dell’abitato palafitticolo dell’Età del Bronzo di San Sivino, che fa parte del Patrimonio mondiale dell’Unesco".

PERCORSO NATURALISTICO – "Di grande valore didattico il percorso naturalistico – ha proseguito -, di cui voglio citare i resti carbonizzati delle offerte rituali nel sepolcreto dell’Età Del Rame del Riparo Valtenesi. Si tratta di un percorso che consente di conoscere il territorio bresciano e le sue origini anche dal punto di vista naturalistico".

PAESAGGIO DA EXPO – "La visione complessiva della Rocca e il panorama che si può ammirare dalla sua sommit? – ha concluso l’assessore -, sono itinerari da Expo, quelli che Regione Lombardia vuole promuovere, per far conoscere il più possibile, a chi verrà da fuori, la Lombardia e le sue specificità territoriali".

Comments

comments

LEAVE A REPLY