Con Aiesec gli universitari bresciani fanno lo stage all’estero

0

Con Aiesec i giovani universitari e i neilaurati hanno un’opportunità per conoscere e “conquistare” il mondo che sta fuori da Brescia, con uno stage all’estero della durata di 6-8 settimane in più di 120 paesi.

L’organizzazione, interamente gestita da studenti e nata nel 1948, offre ai giovani un valore aggiunto. L’obiettivo che essa si propone, attraverso il programma “MOVE”, è quello di perseguire un impatto positivo sulla società e permettere ai giovani di sviluppare il proprio potenziale acquisendo nuove abilità.

Lo studente ha la possibilità di scegliere tra tre diverse tipologie di stage: “entrepreneurship”, “educational” o “awareness”.

Aiesec crea quindi un ponte tra l’università e il mondo del lavoro; un’opportunità che va ad arricchire con un peso notevole il curriculum di giovani ragazzi, forti di un’esperienza all’estero e del network di conoscenze che la più grande organizzazione universitaria può offrire loro.

Da qualche mese è tornato operativo il comitato locale di Brescia grazie ad alcuni ragazzi che si stanno impegnando per dare agli studenti universitari della nostra città un’opportunità incredibile a livello personale e curriculare.

Recentemente si è aggiunta al gruppo Carla, studentessa bresciana appena tornata dal Messico dove ha partecipato ad un progetto Aiesec; parlando del suo viaggio dichiara “E’ un’esperienza di crescita personale, professionale e di vita. Mi sono resa conto delle tante occasioni perse in passato, ora ho acquisito una forza e un coraggio che non pensavo di avere”.

Chi fosse interessato può visitare la pagina Facebook del comitato locale e il sito www.aiesec.it dove può compilare l’application. Una volta compilata, si verrà contattati per un’intervista col comitato locale per valutare le reali motivazioni e la conoscenza dell’inglese. In caso di esito positivo, il candidato potrà firmare il contratto di stage (versando una minima quota comprensiva di costi di amministrazione, alloggio e parte del vitto) e scegliere la destinazione e lo stage più idoneo.

Comments

comments

LEAVE A REPLY