Presi due degli aggressori del controllore che aiutò una ragazza rapinata

19

Dopo poco più di un mese di indagini serrate i carabinieri del Norm di Brescia sono riusciti a chiudere il cerchio attorno ai tre stranieri che la sera del 9 maggio scorso fuori dalla stazione del metrò di Casazza hanno tentato prima di rapinare una ragazza per poi prendere a calci ì, pugni e bastonate il controllore della metropolitana che è corso in suo aiuto. Il giovane controllore se l’è cavata con una prognosi di 20 giorni e tanta paura.

I carabinieri sono riusciti a risalire ai tre aggressori analizzando le immagini delle telecamere di sicurezza e isolando i tre volti. A quel punto ieri una puttaglia ne ha individuati due in via San Faustino. Si tratta di due 19enne moldavi, regolari sul territorio. Il terzo, che sarebbe il cugino di uno dei due, sarebbe nel frattempo rientrato in patria. Ora i due 19enni dovranno rispondere di lesioni aggravate.

Comments

comments

19 COMMENTS

  1. Moldavi, della Moldavia, regione italiana tra la Lombardia e il Veneto. In geografìa non sono mai andato oltre il quattro (in decimi).

  2. Ecco che la Rep.Moldava porta a casa 3+3=6 punti in classifica. Chi prepara una tabella da aggiornare? Potremmo istituire delle scommesse su bsnews. Anche i fratelli padani non sono messi male in classifica se non erro! Se non sbaglio: 1) Albania 24 2) Romani 18 3) F.lli Padani 12 4) Marocco 11 5) United Terrons 9 6) Bresciani DOC 8 7) Rep.Moldava 6

  3. ecco il solito cretinetti…ma hai letto chi e’ coinvolto? pd fi chi piu ne ha piu ne metta. in passato pure i celoduristi della lega. che schefe zio cane

  4. Beh, il Mose oltre a regolare i flussi di acqua nel bacino lagunare, regola anche i flussi di euro nelle tasche dei politici corrotti, tutti e di qualsiasi bandiera. Expo+Mose da soli ci segnalano che il voto degli italiani, anche quello recente, è ben indirizzato a mantenere in sella i ladroni pubblici. L’importante, del resto, è salvare la democrazia dall’avvento funesto del Movimento 5 Stelle alla guida delle Istituzioni e dalla dittatura di Grillo. Bravi, italiani, avanti così, la strada è quella giusta.

  5. IL pentaROSICANTE…L’i mportante del resto e’ sfornare le solite banalita’ che purtroppo non hanno piu’ appeals tra le genti italiche. Sono tuttavia certo che tendendo la mano a Farage da un lato e ai Verdi dall’altro il BEPPE NAZIONALE ci regalera’ nuove emozioni.

  6. Vero, è banale parlare di corruzione, di legalità, di trasparenza nella gestione della cosa pubblica: le genti italiche ci hanno fatto l’abitudine. Pensate che la gloriosa inchiesta Mani Pulite quantificò in 10.000 miliardi di lire i costi in più per i cittadini (allora) della corruzione, in circa 200.000 miliardi di lire l’aumento conseguente del debito pubblico ed in 15.000 miliardi gli interessi che si doveva pagare in più sul debito pubblico ogni anno. Oggi, dopo vent’anni, si parla di 40 miliardi all’anno di corruzione, ma non hanno più appeal queste cose perchè il "merito" è tutto dei politici che perseverano e dei cittadini che, anch’essi, perseverano nel votarli. Complimentoni ad entrambi !

  7. i destrorsi che se la prendono con gli stranieri che delinquono, perché non si preoccupano di fare pulizia nel loro principale partito che é pieno di condannati, latitanti ed inquisiti?

LEAVE A REPLY