In vela con Inail e Cip, il nuovo progetto a Salò

0

Sul lago di Garda è approdato un nuovo progetto velico in ambito sociale. Dopo l’Ail e la sua Itaca, i non vedenti di Homerus, il disagio sociale affrontato da Hyak Onlus, i disabili motori che correranno nel prossimo giugno il loro campionato nazionale, la base e le imbarcazioni della Canottieri Garda hanno ospitato una giornata promozionale con Inail e Cip, il Comitato Italiano Paralimpico. La flotta ha navigato con ospiti alcuni disabili con problematiche motorie tra il golfo salodiano e l’isola del Garda. Qui c’è stata la pausa pranzo, per poi veleggiare verso Gardone Riviera per ammirare il Vittoriale del D’Annunzio e il suo lungolago. Dopo quattro ore di acqua gli equipaggi sono rientrati in porto. Per tutti è stata una magnifica giornata dove  la vela ha offerto momenti di grande solidarietà. Tra gli ospiti c’era il marinaio statunitense  John del battaglione Seabees, che ha raccontato la sua storia e le sue lontane origini italiane. L’iniziativa è stata resa possibile grazie a  Roberto Cilia (Inail Milano), Loredana Bergamini (Inail di Brescia), dal presidente del Cip lombardia Pierangelo Santelli, dal Consigliere nazionale di Federvela Rodolfo Bergamaschi. La Canottieri Garda di Salò è attiva nel mondo della disabilità motoria con i suoi equipaggi che partecipano al circuito paralimpico  con il “Team Midland” è lo skipper Antonio Squizzato nella flotta del "2.4 Metre". Lo scorso anno ha collaborato all’ organizzazione del Campionato Italiano vela accessibile di Gargnano ed è una delle basi di Hyak Onlus, l’iniziativa organizzata in collaborazione con il Cps di Salò e il primario dottor Gianluigi Nobili.

Comments

comments

LEAVE A REPLY