Diritti per tutti: su e giù per la provincia di Brescia a bloccare sfratti incolpevoli

9

Decine di attivisti dell’Associazione Diritti per tutti e del Comitato provinciale hanno bloccato questa mattina due sfratti a Chiari e in città, a Brescia.

Nel primo comune, in via Ricci 10, rischiava di finire in strada la famiglia di un muratore, in Italia dal 1989, che ha perso il lavoro per la crisi dell’edilizia nel 2011; vive con la moglie e tre figli minori tra i 9 ed i 14 anni, nati qui. Lo sfratto è stato bloccato e rinviato al 15 settembre. “Ora si verificherà se la nuova amministrazione comunale si comporterà diversamente da quella destro-leghista che è uscita sconfitta dal ballottaggio di ieri”, si legge in una nota degli attivisti contro gli sfratti.

A Brescia, invece, in via Codignole 31 si è ottenuto un rinvio a settembre per lo sfratto ai danni di Nezaa, di sua sorella e della nipotina Nissrine di 9 anni. Anche queste donne vivono in Italia dal 1990, hanno lavorato come operaie e come badanti ed ora hanno perso il lavoro, Nezaa anche a causa di una invalidità. La soluzione che era stata loro proposta, il rimpatrio in Marocco, non è stata neanche presa in considerazione dato che l’Italia è ormai il loro paese, dove hanno vissuto e lavorato per 20 anni e dove è nata e cresciuta la piccola Nissrine, che ha appena concluso la terza elementare. Per loro rinvio dello sfratto a settembre e prospettiva del passaggio da casa a casa poiché hanno una ottima posizione nella graduatoria ALER. Impegnati nei picchetti una sessantina di persone, attivisti, sfrattati ed occupanti della Franciacorta e della città.

Nel primo pomeriggio invece, ad Esine in media Valcamonica, un altro picchetto con attivisti locali del collettivo Provincia/lotta e del Collettivo studentesco camuno insieme a migranti della zona che si erano rivolti all’Associazione Diritti per tutti, ha bloccato uno sfratto contro una famiglia con bambini. La lotta per il diritto alla casa è arrivata anche nella terza valle brescia, dopo che in Valtrompia e Valle Sabbia già da tempo sono attivi gruppi territoriali.

Comments

comments

9 COMMENTS

  1. Me, tat per dì, ga no asé dei asen; lumbard o mia lumbard i gnurantù che i vusa e i dis sèmper le solite cretinade i soporte mia. Che i vaghes lur fò da le bale!

  2. E chi paga l affitto al proprietario ? Se lo stato mi obbliga a non sfrattare da casa mia gli inquilini dovrebbe per lo meno preoccuparsi di risarcirmi del danno da me subito.

  3. braó Asé, ta ghet dit giost. Basta asen che i dis le solide cretinade de stupic. Se la na famia la gha mia la casa, ghe galo de fa? na a dormer soto i puch co i putei? Dai gnari, schersom mia so cheste robe !

  4. su questo hai ragione. Invece spesso le istituzioni lasciano proprietari e d inquilini a scannarsi da soli. Per questo sono utili le iniziative anti-sfratto, proprio per sollecitare le istituzioni a prendersi carico dei problemi sociali.

  5. X’ MAGARI NON PROVANO A TORNARE NEL LORO PAESE D’ORIGINE. POTREBBERO FARSI AIUTARE DAI LORO PARENTI IN LOCO O DAI LORO POLITICI LOCALI. QUI IN ITALIA ORMAI C’E’ CRISI. MAGARI POTREMMO AIUTARLI A COMPRARE I BIGLIETTI. CHE NE DITE?
    p.s. MAGARI EVITARE DI FARE TANTI FIGLI. USARE CONTRACCETTIVI O COITO INTERROTO

LEAVE A REPLY