Spaccio di droga: cinque arresti tra Sant’Eufemia, Urago Mella e via Corsica

0

Cinque persone arrestate, 290 grammi di hashish, 150 grammi di eroina, due coltelli e denaro per 1.700 euro sequestrati. Questi i risultati dell’operazione antidroga messa in campo dalla Polizia Locale la scorsa settimana in diversi punti della città.

Il primo intervento è avvenuto nelle vicinanze del cimitero di Sant’Eufemia, teatro già in passato di episodi di spaccio, dove gli agenti sono giunti seguendo gli spostamenti di un pluripregiudicato di origine senegalese.

Gli uomini della Locale hanno individuato un’auto appartata, a bordo della quale si trovava il senegalese in compagnia di un italiano. Dopo aver fermato i due uomini, gli agenti hanno perquisito il veicolo e hanno trovato 59 barrette di hashish per un peso di 250 grammi, due coltelli con lame di 40 e 50 centimetri, due telefoni cellulari utilizzati per contattare i clienti e banconote per un totale di mille euro. L’italiano, cliente dello spacciatore, ha rivelato alla Locale di essersi rifornito da quello stesso pusher, nell’ultimo anno, per più di cento volte. Il senegalese è quindi stato trasferito al carcere di Canton Mombello, in attesa dei provvedimenti del magistrato.

Una seconda operazione si è svolta nella zona di via Corsica dove due persone, già sottoposte in passato a provvedimenti restrittivi per reati legati allo spaccio, sono state sorprese a prendere contatti con potenziali clienti. I due uomini, un trentaduenne e un trentatreenne di nazionalità algerina e senza fissa dimora, sono stati fermati e perquisiti. In loro possesso gli agenti hanno trovato alcune barre di hashish, per un totale di oltre 40 grammi, telefoni cellulari e 300 euro in contanti, frutto dello smercio degli stupefacenti.

L’ultimo intervento, infine, ha riguardato il quartiere di Urago Mella. Gli agenti hanno inseguito e perquisito due persone, un marocchino di 49 anni e un tunisino di 28 anni, scoperte a vendere sostanze stupefacenti. Addosso ai due uomini, senza fissa dimora e con precedenti per spaccio, gli agenti hanno trovato dosi di eroina per oltre 150 grammi, telefoni cellulari, una bilancina di precisione e denaro per circa 400 euro. Inoltre, uno dei clienti ha confessato di aver acquistato droga dai due magrebini più di cinquanta volte negli ultimi mesi. I due sono stati quindi condotti nel carcere cittadino a disposizione dei magistrati.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. oltre a non scontare le pene, li dobbiamo pure mantenere … spedirli a casa loro per direttissima … questi non vogliono lavorare, è + redditizio spacciare senza far fatica

  2. Cartoline dalla Brescia multietnica: questi dicevano che pagano le nostre pensioni…..qualche dubbio mi sta venendo…..

  3. "L’italiano, cliente dello spacciatore, ha rivelato alla Locale di essersi rifornito da quello stesso pusher, nell’ultimo anno, per più di cento volte." Ma quando ci si deciderà a capire che finché il commercio delle sostanze sarà lasciato in mano alla delinquenza non ci sarà MAI una soluzione, ma solo spese inutili per la collettività, profitti enormi per i criminali e rischi per i consumatori? Per non capirlo, ormai, bisogna essere stupidi o complici delle mafie, italiane o straniere che siano…

  4. Fortuna che sabato gioca la nazionale itagliana e che il Balo si sposa, tutto il resto passa in secondo piano…

    "C’ erano un inglese, un francese, un tedesco…" Le barzelle una volta cominciavano così, ora la realtà è ben diversa:
    – un pluripregiudicato di origine senegalese;
    – un trentaduenne e un trentatreenne di nazionalità algerina e senza fissa dimora già sottoposte in passato a provvedimenti restrittivi per reati legati allo spaccio;
    – un marocchino di 49 anni e un tunisino di 28 anni, scoperte a vendere sostanze stupefacenti…

  5. Se noi italiani non comprare droga tu come riempie pancia? Apre partita IVA? Nooooo ! apre attività commerciale? Noooo !vai a lavorare? Noooo ! Trova altro modo illecito x riempire pancia ! Quindi : stai a casa tua !
    Non è difficile da capire

  6. cioe’ zio a me piace da dio prendere la droga. amo sballare con gli amici capisci? poi la compro perche’ fa figo. vuoi mettere frate? una bonga con le girls e vediamo il paradiso. bella

  7. Io lavoro più di te e sono in regola con le carte. Chi compra droga non é a posto con la coscienza e spesso nemmeno con la legge. Tu non comprare droga.

  8. Assolutamente no ma sia x chi vende che x chi compra stessa ricetta , solo che gli indigeni vanno in carcere gli altri se ne tornano a casa loro x' a me disturba il doverli mantenere …. e poi una volta fuori di cosa vivranno visto che lavoro non c'è? Si ricomincia , quindi : quelli che sono qui x delinquere mandarli a casa loro
    Semplice o gA riet mia ?

LEAVE A REPLY