Ballottaggi, Orlando (Pd): “si è completato il trionfo iniziato 15 giorni fa”

0

Con i ballottaggi di domenica scorsa si è completato il quadro delle elezioni amministrative in provincia di Brescia. Il centrosinistra, come si sa, si è aggiudicato tre dei quattro Comuni con popolazione superiore ai 15.000 abitanti; pertanto dei 147 Comuni andati al voto, in 78 casi hanno vinto candidati del Pd o del centrosinistra, mentre i restanti 69 Comuni hanno visto prevalere candidati di Forza Italia, Lega Nord, NCD, Fratelli d’Italia o liste civiche pure, senza cioè alcun riferimento a coalizioni politiche.

I Comuni conquistati dal centrosinistra e prima amministrati dal centrodestra sono 25, viceversa quelli persi 10, con un saldo attivo di 15. Se si passa dai numeri riferiti ai Comuni amministrati a quelli relativi al numero di abitanti: nei 147 Comuni andati al voto il centrosinistra rappresenta un territorio composto da 385.000 cittadini su 690.000; complessivamente, sull’intera provincia il Pd e il centrosinistra hanno la responsabilità di rappresentare più del 60% della popolazione.

Grande soddisfazione è stata espressa dal segretario provinciale del PD Michele Orlando e dal responsabile Enti locali Massimo Ottelli: “Con i ballottaggi si è completato il trionfo iniziato 15 giorni fa, in tutti e quattro i principali Comuni al voto il PD 5 anni fa era netta minoranza, oggi ne abbiamo conquistati 3 su 4 e quindi abbiamo letteralmente ribaltato la situazione. Crediamo che il merito principale sia da attribuire alla serietà e alla credibilità dei nostri candidati a Sindaco, all’attenzione posta ai territori ed alle persone nei nostri programmi, e al grande lavoro di elaborazione e inclusione fatto dai nostri circoli. Certo, ha contato anche il vento nazionale che sta soffiando a nostro favore, ma, lo confermano alcuni casi in Italia, non sempre basta: laddove infatti non ci dimostriamo in grado di rispondere alla forte esigenza di rinnovamento otteniamo risultati non soddisfacenti. Anche per questo ci sentiamo di rivolgere un grande ringraziamento alla nostra gente per il grande lavoro fatto. Il dato di domenica scorsa, conferma anche che le divisioni e i litigi non pagano, soprattutto se poco inerenti con i progetti programmatici e ideali, ma tutti concentrati su personalismi e antipatie. Un dato su cui anche noi dobbiamo seriamente concentrarci, al fine di rimuovere queste vere e proprie incrostazioni che fanno male a chi fa politica e che non sono più tollerate (giustamente) da chi guarda alla politica con speranza e passione”.

A conclusione Ottelli e Orlando non sottovalutano le conseguenze che l’esito elettorale produrrà in vista dell’elezione dei prossimi organismi provinciali: “Anche in questo caso dopo anni di opposizione per il Pd si prospetta un periodo di rinnovata responsabilità; per quanto ci riguarda, visti i dati, restano aperte tutte le ipotesi, sia quella di un’alleanza ampia che coinvolga tutte le forze politiche, sia quella della costruzione di una coalizione di centrosinistra capeggiata dal PD pronta a confrontarsi serenamente con gli altri partiti”.

Comments

comments

LEAVE A REPLY