Alta Baviera, soccorsi bresciani per salvare uno speleologo tedesco

0

C’è anche un gruppo bresciano nel Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Spelologico (CNSAS) impegnato nel salvataggio di uno speleologo tedesco in Alta Baviera, rimasto vittima di un incidente nella grotta Riesending-Schachthöhle, l’8 giugno scorso.

Alla 6 di questa mattina la barella ha raggiunto il campo 3 a quota – 720 m: ci sono volute 8 ore per trasferire dal campo 4 al campo 3 la barella con lo speleologo. La sosta imposta nella giornata di ieri dal medico del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Spelologico al campo 4 – a quota -900 – ha permesso al ferito di riposare e ai sanitari di effettuare i monitoraggi di routine all’interno di una speciale tendina.

La barella ha ripreso nella notte la sua lunga marcia verso l’uscita e dopo aver superato una serie di pozzi, strettoie e meandri è giunta alle 6 di questa mattina al campo 3 a quota – 720m. Le squadre di tecnici tedeschi, italiani austriaci e svizzeri, divise in tre team, sono ora al lavoro per attrezzare il tratto di grotta che dal campo 3 porta al campo 2 ; nel frattempo è prevista una sosta di almeno 6 ore per far riposare il ferito e consentire ai medici di prestargli le cure necessarie.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome