Omicidio Federica Giacomini, l’accusa dei genitori: Mossoni la costringeva a prostituirsi

0
Federica Giacomini, la ex pornostar il cui cadavere è stato ritrovato nelle acque del Garda
Federica Giacomini, la ex pornostar il cui cadavere è stato ritrovato nelle acque del Garda

Stalking e sfruttamento della prostituzione, queste le possibili nuove accuse ai danni di Franco Mossoni, il 55enne di Malegno accusato dell’omicidio di Federica Giacomini, la 43enne ex pornostar sparita all’inizio dell’anno e trovata poi all’interno di una cassa sul fondale del Garda, a Castelletto di Brenzone. L’autopsia ha accertato che i resti sono quelli della 43enne e gli inquirenti hanno messo nel mirino il suo ex compagno.

Come riporta il Giornale di Brescia sono proprio i genitori di Federica a muovere le due nuove accuse: tramite il loro avvocato, sette giorni prima del ritrovamento del corpo, avevano presentato un esposto in procura a Vicenza dove si accusa il Mossoni di avere costretto la loro figlia a prostituirsi per mantenere se stessa e pagare i debiti dell’uomo. Tesi che sarebbe stata anche confermata da un’amica di Federica. E che Federica temjeva a tal punto l’uomo da “urinarsi addosso”.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome