Punta la pistola, violenta e deruba una prostituta: 50enne in manette

0

Gesti di strardinaria follia in Valcamonica dove un 50enne è stato arrestato per una litania di reati: dalla rapina a mano armata alla violenza sessuale aggravata fino al porto d’armi abusivo. I fatti risalgono al 9 maggio scorso quando, intorno alle 22,30, il 50enne si trovava a Piacamuno e, dopo aver adescato una prostituta di origine nigeriana, ha iniziato a minacciarla con una pistola per poi violentarla e rubarle la borsetta al cui interno c’erano cento euro e due telefoni cellulari.

Le indagini, condotte dai militari di Artogne, hanno portato all’arresto dell’uomo martedì 17 giugno, a Capo di Ponte. Il 50enne, pregiudicato, nullafacente e senza residenza anagrafica, è stato quindi condotto a Canton Mombello e ieri, giovedì 19 giugno, il gip ha disposta per lui la custodia in carcere.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. …e’ arrivato il sapientone demagogo sinistroide, mamma mia che intelligenza la tua… spero hai ottenuto almeno la terza media….

  2. Caro "ancora " se avesse derubato un povero pensionato 80 enne sarebbe rimasto impunito (truffe e furti accaduti più volte ad anziani di mia conoscenza ) invece per la prostituta nigeriana giustizia è stata fatta !! Non ti sembra che anche questa sia una forma di razzismo ? Al contrario però

  3. Se ho ben capito, secondo te, i carabinieri sono razzisti ed avrebbero arrestato il rapinatore/violentar e in quanto la vittima é nigeriana, mentre invece non catturano i truffatori perché gli anziani truffati sono italiani? Sei un fenomeno da studiare…

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome