Rinascimento Culturale: a luglio quattro giorni di arte, storia e musica a Gussago

0

Saranno quattro giorni di storia, musica, arte, scienza, filosofia e letteratura. Questa la prima edizione del “Rinascimento culturale”, il festival della cultura in programma 17-18-19 e 20 luglio a Gussago, nella cornice di piazza San Lorenzo. Ideatore e direttore della rassegna culturale è Alberto Albertini.

Si parte giovedì 17 alle 20,30 alla presenza di tre relatori: Umberto Galimberti parlerà de “L’uomo nell’età della tecnica, seguirà Giuseppe Lupo con “Non amo la Storia, ma il sogno della Storia” e Gabriele Vanin con “Catasterismi: l’origine, la storia, il mito delle costellazioni”, il tutto accompagnato dal concerto per fisarmonica di Fausto Beccalossi.

Il programma continua venerdì 18, sempre a partire dalle 20,30, con Daniele Montanari che traccerà il parallelismo “da San francesco a Papa Francesco: la paupertas come visione del mondo” e Mariapia Veladiano e il suo reading di teatro e musica “Il tempo è un dio breve”.

Sabato 19, invece, sarà la volta di un altro trio di relatori: il primo a prendere la parola sarà Gilberto Corbellini che proverà a rispondere a “Perché crediano nella pseudoscienzea e come ci possiamo proteggere”, seguito dai ragionamenti sull’amore di Mariapia Pattoni che parlerà de ”L’eros nei testi letterari antichi e la sua fortuna nella cultura occidentale” e dalla panoramica di Nicola Gardini su “Il Rinascimento italiano e l’idea di innovazione tecnologica”. Nel corso della serata il sapere incontrerà il sapore con la degustazione gastronomica a cura della Maestra Macelleria Aliprandi.

Per la serata conclusiva di domenica 20 luglio, il festival propone tre importanti contributi a cura di altrettanti relatori: da Telmo Pievani che parlerà di “Evoluti e abbandonati. Sesso, politica, morale: Darwin spiega proprio tutto?” passando per Maurizio Bernadelli Curuz con “Le chiavi e i motori dei quadri. Meccaniche e performance semantiche delle opere d’arte”, fino a Rossano Pinelli con “La musica è morta”.

“Rinascimento Culturale non ha specializzazioni ma con un titolo forte – che in sole due parole è anche un manifesto, uno slogan e un programma – spiega l’ideatore Alberto Albertini – vuole indicare nuove visioni e idee, aiutarci a “rinascere”, nel senso di cambiare se stessi e il mondo, per ripartire, immaginare, pensare e magari anche costruire un Paese migliore”.

Per maggiori informazioni è possibile visitare il sito www.rinascimentoculturale.it oppure contattare il Comune di Gussago allo 030-2522919

DI SEGUITO IL PROFILO DEI PROTAGONISTI DEL FESTIVAL

Maurizio Bernardelli Curuz: iconologo, critico d’arte, ha fondato la rivista Stile arte. È stato Direttore Artistico di Brescia Musei, ha curato varie mostre tra cui “Matisse, la seduzione di Michelangelo” e ha contribuito ad importanti scoperte, tra le quali il mistero della Fornarina, sposa segreta di Raffaello, nonché la controversa attribuzione di cento disegni di Caravaggio nel fondo Peterzano del Castello Sforzesco di Milano.

Gilberto Corbellini: professore di Storia della Medicina alla Sapienza Università di Roma. Scrive sull’inserto culturale Domenicale de il Sole 24 ore e tra i suoi ultimi libri ricordiamo: "Le cellule della speranza. Il caso Stamina tra inganno e scienza"; “Tutta colpa del cervello”; “Dalla cura alla scienza”; “Scienza, quindi democrazia”; “Perché gli scienziati non sono pericolosi”.

Umberto Galimberti: psicanalista e filosofo di fama internazionale, titolare della cattedra di Filosofia della Storia all’Università Ca’ Foscari di Venezia, collabora con il settimanale "D" di Repubblica. Membro ordinario dell’International Association for Analytical Psychology, ha tradotto e curato testi di Jaspers e di Heiddeger, il “Dizionario di psicologia” e pubblicato decine di saggi. È in corso di ripubblicazione la sua opera omnia.

Nicola Gardini: saggista, romanziere, poeta e traduttore, insegna Letteratura Italiana all’Università di Oxford. È Fellow di Keble College, e collabora con l’inserto Domenicale de il Sole 24 Ore. Con il romanzo "Le parole perdute di Amelia Lynd" ha vinto il premio Viareggio-Repaci 2012. Tra i suoi numerosi libri ricordiamo: "Fauci"; "Per una biblioteca indispensabile. Cinquantadue classici della letteratura italiana"; "Rinascimento". 

Giuseppe Lupo: insegna Letteratura Italiana Contemporanea all’Università Cattolica di Milano e di Brescia. Per Marsilio ha pubblicato i romanzi: "L’americano di Celenne", "Ballo ad Agropinto", "La carovana Zanardelli", "L’ultima sposa di Palmira" (Premio Selezione Campiello e Premio Vittorini), e "Viaggiatori di nuvole" (Premio Giuseppe Dessì). È autore di numerosi saggi e collabora alle pagine culturali de il Sole 24 Ore e di Avvenire.

Daniele Montanari: professore di Storia Moderna presso l’Università Cattolica di Brescia. Ha scritto numerosi saggi e libri sulla formazione del clero, la religiosità popolare in età moderna, e l’organizzazione delle istituzioni ecclesiastiche, politiche e caritativo-assistenziali.

Mariapia Pattoni: docente di Letteratura Greca e di Storia del Teatro Greco e Latino dell’Università Cattolica di Brescia. Membro del gruppo di ricerca internazionale per l’edizione delle tragedie di Eschilo, ha scritto numerosi saggi sull’epica omerica, il teatro greco, la poesia teocritea, la Poetica di Aristotele, la narrativa d’età imperiale, la ricezione moderna dell’antico e la storia della tradizione classica. Tra le sue pubblicazioni: “Sofocle, Trachinie – Filottete”; “Sofocle, Aiace –  Elettra”; “Eschilo, Orestea”; “Longo Sofista, Dafni e Cloe”; “Euripide – Wieland – Rilke – Yourcenar – Raboni: Alcesti. Variazioni sul mito”

Telmo Pievani: professore associato presso il Dipartimento di Biologia dell’Università di Padova, dove ricopre la prima cattedra italiana di Filosofia delle Scienze Biologiche ed è titolare anche dell’insegnamento di Antropologia. Filosofo della biologia ed esperto di teoria dell’evoluzione, ha pubblicato decine di saggi ed è autore di centinaia di pubblicazioni nel campo della filosofia della scienza. Collabora con Il Corriere della Sera e con le riviste Le Scienze, Micromega e L’Indice dei Libri.

Rossano Pinelli: ha studiato Composizione presso il Conservatorio di Brescia diplomandosi presso il Conservatorio di Parma. Ha conseguito il diploma di jazz e i suoi brani sono stati selezionati o commissionati da molti musicisti ed istituzioni musicali, in Italia e all’estero. Dal 2005 è membro della SIMC, sezione italiana dell’ISCM (International Society for Contemporary Music).

Gabriele Vanin: Presidente emerito dell’Unione Astrofili Italiani e Presidente dell’associazione Astronomica Rheticus. Ha scritto centinaia di articoli e 28 libri. Esperto di comete, fotografo, divulgatore e conferenziere, collabora con  le più importanti riviste nazionali di astronomia.

Mariapia Veladiano: laureata in Filosofia e Teologia, ha insegnato lettere per più di vent’anni e ora è preside a Rovereto. Collabora con la Repubblica e con la rivista Il Regno. “La vita accanto”, il suo primo romanzo, ha vinto il Premio Calvino 2010, e si è classificato secondo al Premio Strega 2011. Ha pubblicato inoltre: “Il tempo è un dio breve”, “Ma come tu resisti, vita”, “Parole di scuola” e il giallo per ragazzi “Messaggi da lontano”.

Fausto Beccalossi: inizia la carriera da professionista nel 1997 ed è oggi considerato uno dei massimi specialisti in campo nazionale e internazionale della fisarmonica cromatica con lo stile classico. Ha collaborato con alcuni fra i migliori musicisti jazz italiani ed internazionali tra cui: Enrico Rava, Wheeler, Gibellini, Mirabassi, Pietropaoli, Fresu, Negri, Maria Pia De Vito, Gianluigi Troversi, Simone Guiducci, Franca Masu, Lito Epumer. Nonché con il pianista cubano Gonzalo Rubalcaba a con Enrico Rava nel progetto “L’Opera va”. Intensa l’attività concertistica in tutto il mondo, dal 2007 fa parte dell’ensemble che accompagna il grande chitarrista Al Di Meola in tour mondiale. Nel 2013 ha pubblicato "My time", il suo primo cd per solo accordéon.

Comments

comments

LEAVE A REPLY