Futuro Brescia calcio: oggi in Loggia si gioca il “salva-club”

0

Ancora qualche ora e il destino del Brescia calcio, nel bene o nel male, sarà deciso. Decisivo l’incontro che si terrà nel pomeriggio alla presenza del sindaco Emilio Del Bono tra il presidente di Aib, Marco Bonometti, i vertici di Ubi Banca e Gino Corioni.

Saranno proprio le decisioni di quest’ultimo a determinare le azioni degli altri partecipanti al “tavolo di crisi”. Se Corioni infatti accetterà le condizioni messe sul tavolo, compreso il fare un passo indietro – quello che banca e imprenditori chiedono per trattare – la partita si potrebbe chiudere e il Brescia avrà la possibilità di iscriversi al campionato di serie B. cosa che fino a qualche giorno fa prima dell’intervento del sindaco, era tutt’altro che scontata.

A risolvere il debito ci penserebbe la cordata messa in piedi da Marco Bonometti che per salvare la squadra cittadina ha chiesto aiuto a tanti altri amici imprenditori che, come lui, non vorrebbero veder sfumare il sogno delle rondinelle e di tanti suoi tifosi. Gli stessi che in tremila giovedì sera hanno manifestato davanti alla Loggia per chiedere al sindaco di intervenire in una partita, quella per il saldo del debito contratto dalla presidenza Corioni nei confronti di bancha, giocatori e Enplals, che rischiava di veder retrocedere il Brescia nel campionato d’Eccellenza.

Ora il pericolo sembra un po’ più lontano, ma vale la pena incrociare le dita. In casa Brescia le novità sono sempre dietro l’angolo e questa volta l’angolo è quello di palazzo Loggia.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. leggo su GdB che il corioni vorrebbe una sorta di buonuscita … questa sarebbe l’ennesima vergognosa sudditanza alla quale il Bs calcio assiste , dopo anni di giogo corioniano oserei dire di dispotica mal conduzione societaria , dopo aver assistito inermi alle pagliacciate del suo presidente , ora vorrebbe pure la buonauscita ?
    ma quale buonuscita corioni , ci hai divorato la maglia tu e la tua gestione , ci restano i brandelli di quello che era il brescia calcio e che hai distrutto per i tuoi di interessi .
    Meglio il fallimento che avere ancora a che fare con il clan di ospitaletto , meglio una società che riparte da zero piuttosto che sottostare ancora ai dictat di corioni , l’azzardo delle sue perenni scommesse perse e nessuna vera regola aziendale e programmazione , tanto per tirare a campare fin che si può !
    la buonauscita dovrebbe percepirla una città intera , che attende finalmente la fine di questa dittatura calcistica …….

LEAVE A REPLY