Bonometti si tira fuori: saltata la trattativa per il Brescia Calcio?

18

Una nota che lascia spazio a pochi dubbi: l’Aib, Associazione Industriale Bresciana, si chiama fuori dalla trattativa per l’acquisto del Brescia Calcio. Il comunicato è stato diramato in serata, poco dopo le 21, a distanza di un solo giorno dalle dichiarazioni decisamente ottimistiche di Gino Corioni che dava per certo il buon esito della trattativa: "Se mi viene chiesto in questo momento, rispondo: al 100 per 100. Poi può succedere di tutto. Ma io non immagino qualcosa di diverso da quello che può compiersi questa settimana. Finalmente ci siamo: sta per compiersi il sogno che avevo tanti anni fa, nel 1990. Stavolta può accadere davvero. È quello che ho sempre voluto e immaginato" (leggi la notizia completa, clicca qui).

Il comunicato diramato dall’Aib di Marco Bonometti: "La Presidenza di AIB, nell’ambito del proprio ruolo istituzionale, ha accolto l’invito ad accertare tutte le possibilità per sostenere l’attività del Brescia Calcio. A conclusione di un lavoro svolto, in tempi brevissimi, con impegno serietà e determinazione, e dopo un ampio confronto che ha coinvolto significative realtà del mondo imprenditoriale bresciano si è verificato che non esistono i presupposti per un coinvolgimento. Augura che venga comunque trovata una soluzione di soddisfazione per la società e per il territorio".

Parole che lasciano spazio a pochi dubbi. Cosa è successo tra le dichiarazioni comunque ottimistiche di venerdì (leggi la notizia) e ieri sera? Difficile dirlo. Quel che è certo è che Corioni ieri si è affrettato a chiamare al telefono Marco Bonometti per tentare di salvare il salvabile. Una delle ipotesi più probabile è che gli imprenditori della cordata organizzata dal presidente Aib abbiano fatto un passo indietro, forse perché il debito accumulato dalla società, suddiviso in più quote relative a partecipazioni societarie differenti, è risultato essere troppo grande (nessuno al momento riesce a quantificarlo, c’è chi parla di 20, chi di 40, chi addirittura di 60 milioni di euro.

Visendi? La sua proposta pare che sia giunta a Corioni, che però fino a ieri sera era sbilanciato a favore della cordata bresciana. In tutto questo il tempo, inesorabilmente, scorre.
(a.c.)

Comments

comments

18 COMMENTS

  1. il motivo ? LA BUONUSCITAAAAAAAAAAA AAAAAAA che richiede , giocando al rialzo su due fronti , ma siccome i bresciani sono gente seria e concreta e ai quali non piscciono le stramberie corioniane da sempre , tantomeno essere pigliati per il fondello, visto che il sior corione crede di avere il real madrid , ben gli stà a questo personaggio al quale mai e poi mai è interessato il brescia calcio se non quanto vi poteva lucrare .-….
    Che non si lamenti più se gli imprenditori bresciani scappano davanti a lui, despota e contaballe, il tempo forse è davvero finito e speriamo nel fallimento, unica alternativa possibile alla schiavitù impostaci da questo bel personaggio……not o agli imprenditori bresciani .
    farebbe bene il buon cavagba creditore del sior corione a richiederne il fallimento immediato, così la finiamo con questa agonia e ripartiamo lindi e pulti anche dall’eccelenza , basta non avere mai più a che fare con soggetti simili che si sono letteralmente sbranati una maglia e deriso una città intera !!!!

  2. Farà scappare anche i più importanti imprenditori di Brescia. Ma alla fine come sempre dirà che nessuno voleva comperare il Brescia e che lo hanno sempre lasciato solo

  3. una cosa non mi torna se e’ vero che debito molto piu altoe nascosto di quello che si sapeva: con chi li ha fatti i debiti? non coi calciatori, stipendi sempre pagati tranne ultimissimo mese, altrimenti avrebbe avuto altre penalizzazioni. Non con UBI, altrimenti sarebbe folle che UBI andasse a incontro con AIB non dicendo tutta la verita sul debito. ammettiamo che da qualche tempo non paghi ristoranti e trasferte e dipendenti "normali"… non si spiega una eventuale cifra cosi’ alta. Con chi sarebbero questi debiti in piu? Con altra banca? sarebbe saltata fuori adesso… boh? qualcuno puo’ spiegare?

  4. Il problema di Corioni è che ha trattato il Brescia calcio come un'impresa familiare, perché i suoi figli non sono in grado di andare a lavorare.
    Bonometti è una persona seria, Corioni no, è un buffone. Comunque se non denunciano, non vuol dire che i giocatori venissero pagati ogni mese.
    Abbiamo dato in mano il Brescia Calcio al peggior imprenditore di tutta la provincia, siamo dei geni!

  5. Basta ragazzi, avete rotto veramente le scatole con ‘sta storia del BresciaCalcio! E’ una squadretta che farebbe bene solamente in Serie D! Pensiamo a problemi più grandi e seri come ai poveri fradelli immigratis o al lavoro… Appunto, se si manifestasse così per cose più serie forse, e dico forse, una vita leggermente migliore si potrebbe avere.

  6. Ve ne andate o no? Ricordo a tutti che c’e’ una parte della tifoseria organizzata che da oltre 10 anni contesta la gestione da bar della Famiglia. La stessa parte della tifoseria organizzata che e’ sempre stata tacciata di essere pesanta, esagerata, di essere sempre contro a partito preso. Fa piacere vedere che oggi, a piu’ di dieci anni di distanza, molti criticoni e vezzeggiatori di questa parte della tifoseria organizzata sembra (pare) abbiano cambiato idea. Ripartiamo dalla D ma senza la famiglia.

  7. Ebbravo CORIONI!!!!!! Hai mandato tutta Brescia sportiva in FALLIMENTO!!!! Quando ti incontrerò saranno molti applausi per te… indovina dove…….!!!!!

  8. il brescia calcio è morto per le scommesse perse di un buffone che del calcio nostrano ne ha fatto il proprio personale salvadanaio .
    grazie alla crisi e alla intrasigenza di ubi ( finalmente ) le magagne ora sono praticamente insanabili e le scatole cinesi tipo matrioska che ora si scoprono una dentro l’altra , vuote e con debiti da de profundis , hanno fatto saltare ogni intesa con gli imprenditiori locali , volenterosi ma non idioti a tal punto da avvallare e sottostare ad un pagliaccio e alla sua corte dei miracoli, capace senza vergogna di lucrare anche sul letto di morte della società brescia calcio pur di ricavare ancora qualche denaro in più !!!!!
    20anni da schiavi , costretti ad assistere impotenti alle furberie e alle pessime figure mediatiche oltre che sportive del suo padrone assoluto , il tiranno corione !
    maledetto il giorno che non è rimasto a bologna purtroppo !
    da piccolo ascoltavo lo zecchino d’oro…mi piaceva una canzone …il caimano coriolano, chissà forse già allora era destino……

    nni

  9. amò… podè scrier en casò che i ma cènsura!!!! COME CORIONI, BS NEWS COME CORIONIIII!!!!!! COMEEE CORIONIIII BS NEWSSS COMEEEE CORIONIIIII….. he heh eheh h eh e

  10. tutti allo stadio a vedere il derby brescia – roncadelle, stadio pieno di 25 mila parenti e amici del corioni……gli altri , 200 mila bresciani attendono fuori ……, una volta c’erano le 10 giornate di brescia , ora ci sono le 7 giornate di brescia …..e basta !

  11. la soluzione di soddisfazione per la società ed il territorio è una sola ….eccellenza a tutti i costi , ma corioni deve emigrare in libia !

  12. Se fossi Corioni confesso che avrei paura a circolare da solo…. Non sarebbe meglio pensare ad una scorta per la sua sicurezza? Con tutti i tifosi incazzati non si sa mai…..!!!!!!!!!

  13. x "per hangoover" .. ho scritto che appena scrivo qualcosa mi censurano…
    x ugol, non siamo più negli anni 80/90, adesso i tifosi sono incazzati e delusi ma non c’è la violenza di un tempo per fortuna.
    x corioni ENxxxET

LEAVE A REPLY