Oggi le dimissioni di Corioni? Luigi Ragazzoni prenderebbe il suo posto

0

Altra giornata assolutamente decisiva. Prima di fare il resoconto su ciò che è successo ieri partiamo con ciò che potrebbe accadere oggi: Gino Corioni potrebbe lasciare la guida della società Brescia Calcio dopo 25 anni di presidenza. Potrebbe essere questione di ore, poi Corioni in prima persona, o un comunicato, dovrebbero dare la notizia. Al suo posto, ma solo in qualità di traghettatore, figura di garanzia per il Banco di Brescia e, per certi versi, per la continuità societaria che perderebbe in un colpo tutto il management della famiglia Corioni, il commercialista Luigi Ragazzoni, già presidente del collegio sindacale del club. 

Facendo un passo indietro, ieri è stata la giornata del chiarimento pubblico espresso da Marco Bonometti. Invocato e poi osannato come salvatore della patria, il presidente Aib e titolare delle Officine Meccaniche Rezzatesi ha affidato ad un comunicato stampa il suo, legittimo, smarcamento dalle vicende legate alla squadra. Nulla sarebbe compromesso, ma il suo nome non potrà più essere accostato alla cordata di imprenditori ed industriali alla quale in molti sperano di poter affidare la società una volta terminato il traghettamento di Ubi Banca. Ma quali sono questi industriali? Difficile dirlo ora, ci sono ma lavorano sotto traccia. 

Nel pomeriggio invece è toccato a Gino Corioni, o meglio alla sua famiglia. Dalle 17 è cominciata una lunga riunione presso la sede della banca in via Cefalonia. Il presidente però è arrivato solo alle 19:25, poco prima della figlia Antonella. Le uniche, scarne, dichiarazioni, all’uscita, dopo tre ore di discussioni: «Com’è andata? Tutto è ancora in bilico». Parole che non fanno certo fare i salti di gioia ai tifosi, ma Ubi sarebbe disposta a versare già da domani, forse da oggi, i soldi necessari a pagamenti di stipendi e tasse arretrate, ed a garantire la fidejussione per l’iscrizione al campionato di Serie B. Una volta terminata la fase transitoria il ruolo da presidente, come abbiamo scritto ieri, potrebbe essere preso da Alessandro Triboldi, il direttore generale del Comune di Brescia. 

Nel frattempo i giocatori della rosa tra ieri e domani si sottopongono alle visite mediche di rito nella clinica Sant’Anna. La partenza per il ritiro di Spiazza è prevista per sabato, ma non è detto che venga rimandata all’inizio della prossima settimana, quando però alcuni dei giovani talenti potrebbero essere stati venduti. In ogni caso: benvenga la salvezza, ma il prossimo campionato si preannuncia difficilissimo.
(a.c.) 

 

Comments

comments

1 COMMENT

  1. "Tutto è ancora in bilico"??. Si Corioni hai ragione. Solo che ad essere in bilico ormai sei tu. Ancora una piccola spinta, l’ultima, e sei fuori.

  2. Non solo se ne deve andare , bisogna scoprire come ha fatto a fare un buco del genere. l’anno prossimo faccio due abbonamenti!

  3. Sta cercando fino all’ultimo secondo di portarsi a casa un bel gruzzolo di soldi prima di firmare le proprie dimissioni. Chiaro che non riceverà niente. Spero solo che presi dalla compassione all’ennesima richiesta di soldi dei Corioni, UBI si impietosisca e dia la mancetta al Fabietto per andare a almeno all’oratorio di Ospitaletto a prendersi le caramelle gommose e un bicchiere di spuma chiara.

  4. Qualcuno si ricorda come Corioni trattò Caracciolo???? Invece di prendere a sberle il presidente fece tanti goal e salvò la squadra dalla C. Questa è stata una delle tante "corionate". Speriamo sia finita ……….

LEAVE A REPLY