Finisce l’epoca Corioni, dopo 25 anni il Brescia avrà un nuovo timoniere

0

E’ ufficiale. Il Brescia è salvo, l’iscrizione al campionato c’è e un nuovo amministratore anche. Dopo 25 anni di Presidenza Gino Corioni e il Brescia non sono più una cosa sola. Il Presidente icona della squadra cittadina dice addio. La conferma dopo la seconda riunione tra Corioni e famiglia con Ubi che del Brescia è sponsor e creditore. La proprietà rimane ancora a Corioni ma a Luigi Ragazzoni spetta il ruolo di nuovo timoniere. "Mi è stato chiesto di mettere un amministratore unico al posto mio e l’ho fatto – aveva dichiarato al Bresciaoggi -. Sono stato felice di indicare il mio sindaco, Ragazzoni" – e continua – "Mi meraviglia solo che Ragazzoni abbia accettato. È bravo, farà bene. Ora sono contento perché la squadra si iscriverà. È stato faticoso. Ma ringrazio la banca, che mi ha aiutato per l’iscrizione".

Ragazzoni provvederà a un piano di tagli delle spese, e svolgerà il ruolo di traghettatore in vista della formazione di una nuova società. Intanto per l’iscrizione alla B è tutto predisposto: i bonifici sono partiti ed entro martedì la permanenza del Brescia nel Campionato sarà ufficializzata.

Ma formalità a parte, la storia del Brescia subisce comunque una svolta decisiva, con l’addio di Corioni: nel bene e nel male, lui del Brescia ne è stato simbolo, padre, amante, amico e qualche volta, a detta dei tifosi, anche nemico. Con lui la squadra è andata in A, con lui è arrivato Baggio e ancora Guardiola, Toni, Appiah. E poi gli allenatori che si sono succeduti, quello stadio nuovo mai arrivato, qualche polemica, tanti rimpianti, ma sempre grande passione. 

Comments

comments

1 COMMENT

  1. …ora saranno contenti tutti quei tifosacci che hanno rotto l’anima alla famiglia corioni da anni e anni… sicuramente ora sara’ promozione in serie A , ed Europe league , e scudetto… ne vedrete delle belle…. nel bene o nel male non si torna piu’ indietro , ONORE ALLA FAMIGLIA CORIONI.

  2. Abbiamo passato una vita in curva a tifare Bresa…ho sofferto e pianto per tante sconfitte ingiuste. ma la fede nel Bresa non viene si affievolisce mai. Sicuramente Corioni è stato , nel bene e nel male IL PRESIDENTE.Se non ci fosse stato LUI non avremmo mai visto Hagi, Baggio etc….Non avremmo mai fatto l’intertoto come nel 2011. Ora che il calcio è solo business, denaro e corruttele , fa bene IL GINO a farsi da parte.Grazie Presidente!!!

  3. Il Brescia è sprofondato in un baratro finanziario (e sportivo) incredibile e c’è gente che lo ringrazia… non ho parole.
    @tofosipi stai sereno che di trionfi negli anni a venire, PER COLPA DI CORIONI, ne vedrai pochi. E aggiungo che la tifoseria bresciana non pretende nemmeno trionfi ma si accontenta di una società seria, ben programmata, professionale e che rispetti i tifosi, al contrario di quello che ha sempre fatto Corioni. Aggiungo che negli ultimi 10 anni di trionfi anche Corioni ne ha ottenuti ben pochi (per non dire nessuno).

  4. i commenti pro corioni non sono di tifosi del Brescia ma di concessionari autovetture di lusso di ospitaletto e franciacorta che perdono un buon cliente…o due…

  5. Ciao bomber Gino, mancherai! Grazie per le mille emozioni che hai saputo regalare attraverso la tua gestione del magico Brescia! Non ti dimenticherò!

  6. Egregio (!!!???) utente "Negro", probabilmente Voi siete un individuo senza riconoscenza.Corioni ha sbagliato ma si è preso la responsabilità di essere presidente del Brescia tanti anni fa….Poi, con colpevole ritardo ,l’ha ceduto.Sinceramente buttare tutto il politica dimostra la Vostra intelligenza….uman a e "calcistica" .Ad maiora.

  7. Il pensiero di Rob59 dovrebbe essere condiviso da tutta la tifoseria. Ed invece, con amarezza, trovo ingratitudine e poca memoria in tanta gente. Senza Corioni, nel bene e nel male, la Brescia calcistica non sarebbe andata oltre la Serie C.

  8. Caro utente Rob 59 la mia era soltanto una curiosa constatazione visti gli autori dei commenti sottostanti pro Corioni.Per quanto riguarda la mia intelligenza "uman" non si preoccupi son ben lieto di non essere considerato "umanament" intelligente da lei, sappia che la cosa è reciproca. P.S. non seguo il calcio ergo ammetto di non possedere quella che lei chiama intelligenza calcistica (mi fa ridere parlare di intelligenza calcistica) che io preferisco definirla passione. E con questo chiudo. A voi!

LEAVE A REPLY