Disoccupazione Giovanile, Morgano (Pd): serve mobilitazione di tutte le forze culturali, sociali e imprenditoriali

0

Il Parlamento europeo voterà oggi una serie di raccomandazioni per ridurre la disoccupazione giovanile in Europa, dopo il dibattito che si è svolto ieri a Strasburgo, che ha visto la partecipazione di Laszlo Andor, Commissario per l’occupazione e gli affari sociali. La votazione determinerà l’adozione da parte del neoeletto Parlamento del primo documento sulle misure per contrastare l’alto tasso di disoccupazione tra i giovani europei di età inferiore ai 26 anni.

 Nel 2013, il Parlamento uscente aveva approvato due risoluzioni sulla disoccupazione giovanile: la prima invitava gli Stati membri a rendere più facile l’accesso dei giovani al mondo del lavoro o alla formazione; la seconda, invece, chiedeva un sostegno da parte dell’Unione Europea e l’adozione di standard qualitativi per tirocini e apprendisti. Il Parlamento inoltre, con la modifica delle Regole del Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione (FEG), ha permesso la concessione di aiuti temporanei ai giovani che non hanno un impiego, un’istruzione o una formazione, a condizione che provengano da regioni colpite da licenziamenti.

 "La mancanza di lavoro in Europa rappresenta una questione di primaria importanza per gran parte dei Governi dell’UE" – ha dichiarato l’europarlamentare Luigi Morgano (PD) – "È una situazione non solo assai “pesante” dal punto di vista sociale ed economico, ma anche frustrante e avvilente: pone le persone in una situazione di inferiorità e a considerarsi non idonee. La drammaticità della situazione è testimoniata dai dati ripetutamente citati nel dibattito, in particolare quelli relativi alla disoccupazione giovanile che in Europa è al 23% e in Italia al 43%. Se la disoccupazione genera povertà, e la povertà supera le caratteristiche del fenomeno transitorio e congiunturale per assumere i connotati di una involuzione strutturale, siamo destinati ad un allargamento delle disuguaglianze sociali, fatto che minerebbe i diritti fondamentali dei cittadini. Proprio per questo motivo servono grandi scelte politiche e la mobilitazione di tutte le forze culturali, sociali e imprenditoriali."

Comments

comments

1 COMMENT

  1. curioso che un anziano esponente del PD, che da decenni occupa remunerative poltrone, parli di mobilitazione contro la disoccupazione giovanile. Dia per primo l’esempio, si dimetta e lasci il posto a qualche giovane. A meno che l’avidità di denaro e potere politico sia superiore ai principi urlati e mai praticati. Vergognoso.

  2. Come al solito ha detto tutto e niente non avendo la minima idea su come risolvere il problema. Io ho 31 anni e sono disoccupato e come me ce ne sono molti altri. A questo punto visto che siamo vecchi tanto vale che ci diano la pensione. Che tristezza se penso che questi ciarlatani hanno sbaragliato la concorrenza alle europee e che a gente si fida di loro.

LEAVE A REPLY