Cassarà, il collezionista di multe: “Con i soldi spesi ho finanziato il restauro di piazza Vittoria”

1

Che con la spada sia veloce dispiace solo agli avversari, ma sulla strada l’eccesso di velocità dell’oro olimpico bresciano del fioretto Andrea Cassarà, gli sta facendo guadagnare il titolo di “collezionista di multe”. Sentito dal Corsera di Brescia, Andrea si è sfogato: “Mi deve arrivare una sanzione dalla Svizzera, stavo andando agli Europei: ero in autostrada e tac, ho visto il flash dell’autovelox. Non andavo veloce: avrò superato il limite di 7 o 8 chilometri al massimo”.

Sono lontane le corse a tutta velocità alla guida di auto sportive, ora gli ha preferito un suv, “ha il bagagliaio più ampio”, spiega. Le multe sono la sua croce, tanto da affermare: “Diciamo che con i soldi che ho pagato, hanno finanziato il restauro di piazza Vittoria”. Spericolato? “Sbadato, piuttosto. Supero sempre il limite di pochissimo. Gli articoli sui trucchi per individuare gli autovelox li divoro, ma sono leggende metropolitane, no?”.

Comments

comments

1 COMMENT

LEAVE A REPLY