Contravvenzioni, Brescia tra le più multate: la media è di 99 euro a cittadino

0

Dagli 0,6 centesimi procapite di Caserta ai 170,5 euro per ogni singolo cittadino patentato di Milano. Questo l’incredibile range nazionale della spesa per contravvenzioni nelle città italiane. Nell’annuale classifica stilata da Il Sole 24 Ore Brescia si colloca ai vertici occupando l’undicesimo posto, con una spesa media procapite pari a 99,5 euro.

Divieti di sosta, parchimetro insufficiente, eccesso di velocità, passaggi col rosso al semaforo: tutto concorre alla stesura della classifica del quotidiano di Confindustria, che per il 2013 ha registrato per Brescia una raccolta complessiva di 12milioni e 68mila euro (12° posto a livello nazionale).

Ovunque, tranne che a Milano, nei primi mesi del 2014 c’è stata una flessione nelle entrate ai comuni per multe, complice lo stop alla riscossione (terminato il 16 giugno) imposto dalla sanatoria delle vecchie cartelle. Inoltre non si deve dimenticare la diminuzione del traffico a causa della crisi: secondo l’ultimo rapporto Isfort-Hermes, presentato qualche settimana fa dall’Asstra, l’associazione che raccoglie le imprese del trasporto pubblico locale, nel 2013 le auto private si sono mosse il 4,1% in più rispetto all’anno prima, ma a confronto con il 2008 le strade restano assai più sgombre con addirittura il -16,1% in meno di veicoli circolanti.
(a.c.) 

Comments

comments

1 COMMENT

  1. noi qui a lavorare e a farci togliere anche il sangue, loro a Caserta a godersi il sole e il mare senza pagare. L’Italia di unito ha solo la terra, per il resto viaggia a due velocità diverse!

  2. occhio che un giorno, quando ci stancheremo davvero di avere una zavorra attaccata al culo, costruiamo un muro e si tengano pure il loro sole e il loro mare. Andremo all’estero…che ti devo dire

  3. voi leghisti siete fantastici (è ironico…) perchè appena potete prendervela con chi è diverso sembrate davvero godere. Una volta la colpa è degli stranieri, l’altra dei meridionali, la prossima volta sarà del vostro vicino di casa? Meditate, gente padana

  4. Io non sono leghista, però quando leggo che a Caserta pagano 0,6 centesimi e a Milano 170 euro penso che sia innegabile che ci siano due realtà che viaggiano su binari diversi. E non solo in tema di contravvenzioni. Non propongo soluzioni demagogiche come il muro, però spero non ci si vorrà impedire almeno di stupirci per questa macroscopica diversità…

  5. a leggere commenti come i tuoi mi vien da pensare che fanno bene quelli, cioè mangiare sulle tue (che poi sono le nostre) spalle. mi viene in mente una bella frase, "rubare agli altri è peccato ma lei è peccato non rubare". ma forse è tempo sprecato…

  6. Ah, fanno bene… Complimenti. A leggere commenti come il tuo cadono le braccia. E si capisce perchè il nostro non potrà mai essere un Paese normale.

  7. ma se al sud si sta così bene perchè non ci andiamo tutti? Intendiamoci, non voglio negare l’evidenza, cioè che effettivamente nord e sud sono due paesi distinti, ma qui sembra che loro facciano la pacchia e noi i martiri. Al sud ci sono dei problemi non indifferenti, siete davvero convinti che la gente stia meglio? Prendersela con quelli "a Caserta a godersi il sole e il mare senza pagare" è fare esattamente quello che fa comodo a quelli che questa situazione l’hanno creata…cioè tenerci divisi culturalmente. Va bene arrabbiarsi, ma con i colpevoli per favore, non con la povera gente che ha problemi come noi, solo diversi dai nostri. E…lo so che quella de "il sole e il mare senza pagare" è una frase detta tanto per dire, ma il sole e il mare non costano niente, esattamente come i laghi e i monti…

  8. Scusa ma se a Caserta si pagano 60 centesimi a persona/anno di multe e a Brescia si pagano 99 euro, è innegabile che in fatto di multe stiano meglio. Certo che il motivo non sono il sole e il mare, ma il problema c’è e non solo per le multe…

  9. Forse non sono stato chiaro: quello che intendo dire è che se ci sono queste differenze la colpa non è della "gente", ma di alcuni a cui fa comodo questa situazione, quindi è inutile prendersela con "il casertano che va a prendere il sole". Se vogliamo mettere vantaggi e svantaggi sul piatto della bilancia potrei dire che noi ad esempio stiamo meglio dal punto di vista del lavoro…

  10. Se il problema è la frase sul sole e sul mare, ci siamo capiti. Ma il problema non è la frase stupida. Il problema è che gli "alcuni a cui fa comodo la situazione" sono quelli che non prendono le multe. E che non le prendono non per loro virtù (se rispettassero/disatt endessero le regole come qui, prenderebbero nè più nè meno la stessa percentuale di multe); non le prendono perchè evidentemente non gliele danno… E perchè non gliele danno?

  11. Il perchè non le danno bisognerebbe chiederlo a chi dovrebbe darle…non a chi non le prende, no? Gli alcuni a cui fa comodo la situazione non sono quelli che non prendono le multe, ma quelli a cui fa comodo che tra nord e sud ci siano queste differenze. Se ce la prendiamo con la gente normale che vive in questa situazione senza averlo scelto non risolviamo niente, ci facciamo solo la guerra tra di noi.

  12. Quindi c’è un disegno fatto a tavolino per cui "qualcuno" dice ai vigili di Caserta di non dare le multe perchè "fa comodo" che ci siano delle differenze. Ah, si: adesso mi è tutto chiaro…

  13. Cercherò di essere il più esplicito possibile: alla mafia fa comodo che ci siano delle differenze, altrimenti perderebbe il suo potere. Se pensi che la gente del sud stia bene ti consiglio di farti un giro in meridione e chiedere in giro.

LEAVE A REPLY