Giro di vite sulla prostituzione da strada: raddoppiate le multe ai clienti

20

Prosegue l’intensa attività anti prostituzione della Polizia Locale. Dall’inizio di luglio gli agenti del comando di via Donegani sono impegnati in controlli mirati nei turni serali e notturni con due pattuglie dedicate all’identificazione delle ragazze che si prostituiscono e dei loro clienti.

In tutto sono stati eseguiti 23 servizi nella fascia oraria compresa tra le 22 e l’1.30 durante i giorni infrasettimanali e fino alle 5 del mattino nei week-end. Le zone controllate sono state l’asse via Milano – via Vallecamonica e il tratto viale Piave – viale Bornata – via S.Eufemia dove il fenomeno è più significativo.

Gli uomini della Locale hanno identificato complessivamente 93 persone, tra clienti e prostitute, 12 delle quali transessuali, tutti in possesso di regolare documentazione d’identità.

Per 22 donne si è reso necessario l’accompagnamento al comando di Via Donegani e per cinque di loro è scattata anche la denuncia per irregolarità della normativa sull’immigrazione.

Da sottolineare che in molti casi le donne che vengono fermate non sono nuove alle forze dell’ordine e che le persone sconosciute e mai identificate prima si riducono a 27 (su 93) per la maggior parte Rumene, quindi comunitarie, domiciliate in città sia in case private, sia in alberghi.

Non sono mancate le sanzioni previste dal regolamento di Polizia Urbana che punisce i clienti che contrattano prestazioni sessuali e consentono la salita a bordo dei loro veicoli alle prostitute. Emesse in 16 casi per un totale di 8mila euro hanno portato anche al sequestro amministrativo del veicolo, mantenuto in custodia per circa 8/10 giorni nei depositi del Comando.

L’efficacia dell’iniziativa di contrasto della prostituzione su strada è confermata anche dai dati che contano, da inizio anno, 64 verbali emessi nei confronti dei clienti su strada per un totale di 32mila euro di sanzioni, rispetto ai 30 emessi nello stesso periodo di riferimento gennaio-giugno 2013.

Comments

comments

20 COMMENTS

  1. CARO BENE, SOLO IL 15 PER CENTO DELLE PROSTITUTE SONO SFRUTTATE E QUESTA PIU’ CHE UNA GRANDE OPERAZIONE MI PARE UNA STUPIDATA: 35 PERSONE?????? MA SE LE STRADE SONO ANCORA PIENE E LE CASE D’APPUNTAMENTO SONO CENTINAIA!! E POI PROSTITUIRSI NON E’ REATO

  2. Se si volesse sradicare il fenomeno prostituzione si dovrebbe punire sia il cliente che la prostituta. Invece si multano i clienti solo per ingrassare le casse comunali. Vero sig sindaco? Se non è reato prostituirsi perché è reato andare a prostitute?riapriamo le case chiuse e saremo tutti più sereni

  3. sempre i soliti triti discorsi,rendamola legale,e chi vuole far la prostituta lo faccia per sua libera scelta…..dopo mazzate ai papponi e a chi infrangesse le regole

  4. di papponi non ne esistono più…..le signorine in questione lo fanno per libera scelta . forse solo le nigeriane hanno le macumbe e le mamy , ma le altre , romene, slave, albanesi , italiane…..di papponi non ne hanno mezzo, se lo fanno perchè per loro è meglio che andare a lavare i piatti o pulire i cessi….moralismi inutili , la verità è una sola .
    fatti i soldini , tornano a casina ….fine !
    se poi oddio è reato andare a puttane perchè infastidisce il pensionato che sta alla finestra a guardare ..e basta , finiamola una volta per tutte , aprite sti bordelli e fine….
    così pagano le tasse come in germania e in olanda….e il pensionato poi è bello tranquillino !!

  5. negli anni 70 sì , ogni zoccola in via xx settembre ad esempio aveva il magnaccia con la kawasaki 750 , me li ricordo bene perchè stazionavano nei vari chioschi e poi smanettavano con la loro bionda ! i tempi ora sono diversi, i soldi facili e subito , niente pappa ne magnacci , solo per soldi, soldi, soldi ……….!
    la tratta delle albanesi poteva andare bene nei primi anni 90 , ora pure in albania lo sanno , andiamo in italia a battere per un anno e poi ci compriamo casa o l’attività ..a casa loro !
    negli anni 70 se parlavi 10 min in più con la bionda di turno, ti si avvicinava il magna e ti diceva…allora ? problemi? dai sloggia che la tipa deve lavorare……..

  6. chi parla di schiave , della strada, quella vera , non sà un emerito c………!
    ci sono casi di signorine , protette , certamente si ….ma non dai pappa !!
    aprire gli occhietti bene e prima di parlare di strada , bisogna viverla e conoscerla !
    e se hai amicizie in strada , che è una scuola vera e propria dove impari la vita a sberloni se no sei finito, queste cose le sanno tutti da anni……
    hai mai vissuto il carmen ? quello di una volta intendo ? tra tossici, spacciatori, strafatti etc etc…..provavi a molestare o menare una tossica ? ……non uscivi intero ! facevi il bulaso e rompevi i kokki in qualche localetto …..ti insegnavano a stare al tuo posto !
    c’era la legge e quella legge la rispettavano tutti , e lo sapevano bene i pola e i caramba .
    questa che dite oggi non è strada, comandano i soldi facili senza leggi se non quella della libera scelta di battere piuttosto che rompersi la schiena x 4 soldi ……, nè per la droga come allora purtroppo con la maledetta eroina che portato via una marea di ragazzi . tutto il resto è noia

  7. Affermo che le Ordinanze Sindacali ed i Regolamenti di Polizia Urbana devono essere conformi ai principi generali dell’Ordinamento, secondo i quali la prostituzione su strada non può essere vietata in maniera vasta ed indeterminata. Di conseguenza, i relativi verbali di contravvenzione possono essere impugnati in un ricorso. In più per le medesime ragioni, i primi provvedimenti suddetti non possono essere emessi per problematiche permanenti ed i secondi non possono riguardare materie di sicurezza e/o ordine pubblico.

  8. Affermo che le Ordinanze Sindacali ed i Regolamenti di Polizia Urbana devono essere conformi ai principi generali dell\’Ordinamento, secondo i quali la prostituzione su strada non può essere vietata in maniera vasta ed indeterminata. Di conseguenza, i relativi verbali di contravvenzione possono essere impugnati in un ricorso. In più per le medesime ragioni, i primi provvedimenti suddetti non possono essere emessi per problematiche permanenti ed i secondi non possono riguardare materie di sicurezza e/o ordine pubblico.

  9. vero,9 ragazze su 10 praticano perchè molto remunerativo e con poca fatica!altro che papponi! poi,prostituirsi non è reato,usufruirne si…c’é qualcosa che non quadra..

  10. non è mitologia , è realtà dei fatti e delle cose da me vissute …..quanti hanni ho ?
    ne ho 49, abbastanza per insegnarti qualcosa …non certo l’aperitivo happy hours e a bambocciare fino alle tre del mattino a skassare i maroni con l’auto di paparino ……
    sicuramente c’era più rispetto . zitto e muto

  11. il puttantour di una volta , quello che si faceva da studenti negli anni 80 – 90 , ero uno spaccato della vita notturna della brescia di allora…nulla di male , ora piuttosto sono i cosidetti ritrovi alla moda che infestano il centro , bulloni e pupe fankazzisti che per noia sono peggio delle signorine , in quanto a skiamazzi, ubriachezza , rifiuti …etc etc , benpensanti con le canne in bocca e il bicchiere in mano che ammazzano il tempo e quello altrui …le signorine in questione almeno non starnazzano nè fanno casino , stanno lì e basta …..ma di pappa non c’è ombra !

  12. io non so in che antro del carmen hai vissuto , forse avevi i mattoni alle finestre ed eri segregato in casa , ma non me ne può fregare di meno……io ci ho vissuto per 49 anni e conoscevo tutti e tutto , quindi fai meno il sarcastico con me . probabilmente hai vissuto qullo che hai potuto vivere restandotene serrato dentro casa tua , ma fuori era proprio così !

  13. che tristezza leggere i commenti dei clienti delle prostitute. Vite nostalgiche e di solitudine: voglio qualcuno che mi voglia bene davvero. Nessun commento nemmeno di una donna. Uomini soli e donne in silenzio.

  14. Nessuno ha mai pensato cosa costa noi contribuenti questa lotta contro la prostituzione che tanto non finirà mai? Ma rendiamola legale coi controlli e le tasse e dopo pulire veramente le strade

  15. Nessuno ha mai pensato cosa costa noi contribuenti questa lotta contro la prostituzione che tanto non finirà mai? Ma rendiamola legale coi controlli e le tasse e dopo pulire veramente le strade

LEAVE A REPLY