Sonico, esonda il torrente. Sfollate un centinaio di persone

0

Nella notte Sonico è stata invasa dall’acqua. Tutta colpa delle due ore di pioggia battente che dalle 22,30 all’1 di notte non ha mai smesso di cadere ingrossando a tal punto il fiume da sradicare un castagno che cresceva sulle sponde e trascinarlo fino all’imbocco della tombinatura del torrente Re che, a quel punto, è esondato.

In pochi minuti le strade del piccolo paese della Val Camonica si sono trasformate in una fanghiglia colpa di sassi e detriti di ogni genere che si infiltrava negli scantinati e sotto le porte delle case provocando numerosi allagamenti.

L’allarme è stato lanciato all’1,10 del mattino da un residente del paese. Immediato l’intervento dei vigili del fuoco di Edolo e dei carabinieri , oltre ai tecnici della Protezione Civile e del Comune che alle 2,40 hanno istituito l’unità di crisi nella sede del Comune. Almeno un centinaio le famiglie costrette ad abbandonare le proprie case invase da acqua e fango che hanno chiesto riparo a casa di amici e parenti o, in alternativa, sono state opitate nelle stanze messe a disposizione dal Comune per gli sfollati. Alle 5 del mattino il prefetto ha insediato sul posto il centro di operativo misto che avrà il compito di gestire l’emergenza fino al rientro alla normalità.

Al momento sono in corso i rilievi per accertare la viabilità (ora ridotta a senso alternato) sulla statale 42 che porta a Ponte di Legno e sulla linea ferroviaria Brescia-Edolo. Si procederà quindi alla pulizia delle strade, ma la paura, quella non la può spazzare via nessuno.

 

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome